Covid, nuova ondata travolge Europa: “Subito quarta dose a over 60”

13/07/2022

(Adnkronos) – Il covid corre in tutta Europa. “Non c’è dubbio che la pandemia non è ancora finita e non è il momento di rilassarsi, perché ci sono ancora molti individui a rischio di malattia grave”, afferma la direttrice dell’Ecdc Andrea Ammon, insistendo sulla necessità di accelerare i tempi sulla quarta dose di vaccino agli over 60.  

Nelle ultime “tre settimane” in Europa “abbiamo osservato un aumento delle notifiche dei casi e dei ricoveri” per Covid-19 e “prevediamo che entro fine mese Omicron Ba.5 sarà la variante dominante nella maggior parte dei Paesi Ue. Ciò che vediamo ora segnala l’inizio di una nuova ondata diffusa di Covid-19 nell’Ue, simile a quella che ha visto il Portogallo qualche tempo fa”, ha detto Ammon, in audizione alla commissione speciale sulla pandemia di Covid-19 del Parlamento europeo, a Bruxelles.   

“Non c’è dubbio – ha aggiunto – che la pandemia non è ancora finita e non è il momento di rilassarsi, perché ci sono ancora molti individui a rischio di malattia grave. Ricordo che lo scopo delle vaccinazioni è quello di evitare la malattia grave e la morte”, conclude.  

Anche se organizzare una campagna vaccinale per somministrare la quarta dose di vaccino anti-Covid agli ultrasessantenni e ai più vulnerabili in piena estate richiede “qualche sforzo”, ne vale la pena, specie per i Paesi in cui l’ondata provocata da Omicron Ba.5 sta iniziando o è in fase ascendente, perché a settembre, quando si sarà raggiunto il “picco” pandemico, l’impatto del booster sarebbe “minore”, ha quindi spiegato la direttrice dell’Ecdc Andrea Ammon. 

“Vediamo che i vaccini disponibili sono ancora efficaci contro la malattia grave – ha affermato ancora Ammon – per questo con l’Ema abbiamo consigliato” di somministrare un “secondo booster” agli ultrasessantenni e ai soggetti fragili “per evitare un numero significativo di ricoveri e morti da Covid-19. Questo è particolarmente rilevante per i Paesi nei quali l’ondata di Ba.5 sta iniziando o è in fase ascendente. Abbiamo visto che molti Paesi si preparavano per la campagna vaccinale un po’ più tardi, in settembre. Richiederà qualche sforzo organizzare una campagna immediata, ma è ora il momento di farla, perché a settembre la maggior parte dei Paesi saranno al picco o oltre e quindi l’impatto del booster sarà minore”, ha precisato.  

Mentre per quanto riguarda la somministrazione di una quarta dose di vaccino anti-Covid per gli ultrasessantenni e le persone dal quadro clinico fragile è consigliata già quest’estate, “i dati disponibili non indicano che per le persone sotto i 60 anni e non a rischio di contrarre la malattia in forma grave ci sia un vantaggio nel fare un secondo booster ora”.
 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima