Gastroenterologo Ricciardiello: ‘Cancro colon retto in aumento tra giovani’

13/05/2022

(Adnkronos) – “Il cancro del colon retto è sempre più precoce. Negli ultimi 20 anni si è visto un aumento dei casi nella popolazione di età compresa tra i 20 e i 49 anni, in particolare negli Stati Uniti e nel Nord Europa. Dati recenti ci dicono di un incremento del 5% annuo nelle popolazioni scandinave, in Inghilterra, ma anche in altre aree come la Francia. I motivi dello sviluppo precoce di questo tumore, non a caso chiamato ‘early cancer’, sono legati a stili di vita, obesità, una dieta sempre più di tipo occidentale. Ci sono studi che dimostrano come alcune sostanze contenute negli alimenti possano favorire l’infiammazione e quindi l’insorgenza del cancro del colon rettale ad insorgenza precoce”. Così Luigi Ricciardiello, professore associato di Gastroenterologia all’Università di Bologna, in occasione del 28esimo Congresso Fismad in corso a Roma.  

Per il gastroenterologo la prevenzione è fondamentale. “Lo screening salva la vita, riduce sia l’incidenza sia la mortalità – sottolinea Ricciardiello – La popolazione alla quale si rivolge lo screening del cancro colorettale è quella tra i 50 e i 70 anni. Noi da metà anni Duemila abbiamo introdotto gli screening di popolazione in tutte le regioni italiane. Questa forma di prevenzione viene effettuata con un test molto semplice che è quello del sangue fecale. Nel momento in cui il test dovesse risultare positivo, l’individuo viene chiamato a fare la colonscopia e, tramite la rimozione dei polipi o l’identificazione di un tumore maligno, ma in fase precoce, noi riusciamo a ridurre efficacemente la mortalità”.  

Tuttavia “la pandemia – ricorda l’esperto – ha pesato enormemente sulla diagnosi, soprattutto durante i primi mesi di chiusura a causa del virus. I programmi di screening hanno subito un ritardo molto significativo. Con un gruppo di ricercatori abbiamo quantificato l’effetto dei vari lockdown e dei ritardi dello screening sulla malattia più avanzata, ovvero quella meno trattabile. E quello che abbiamo dimostrato è che, per i ritardi superiori ai 6 mesi, c’è un aumento dei casi più avanzati, con una mortalità a 5 anni aumentata del 12%”. Sicuramente “ci sono stati grandi sforzi da parte delle Regioni nel mitigare l’effetto dei ritardi, aumentando ad esempio il numero di prestazioni – suggerisce Ricciardiello – e lavorando anche con le farmacie per distribuire i kit. Ma su queste misure avremo dei dati più consistenti nei prossimi anni”.  

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

La cruda verità

La sanità – secondo Francesco Lucà – torna ad essere il bancomat dello stato. Sembra mancare la capacità di ridisegnare il SSN. Si elaborano riforme