Giorgetti, ‘per Governo serve riflessione su revisione sistema dei farmaci’

11/07/2022

(Adnkronos) – “La domanda di farmaci, vaccini e strumenti diagnostici è in Italia, ma anche in altri Paesi, principalmente una domanda pubblica sostenuta dal sistema sanitario nazionale. Il Governo ritiene che dovrebbe essere aperta una riflessione globale tra le istituzioni e le imprese in Italia, per definire una revisione del sistema di regolamentazione e di finanziamento della domanda pubblica di prodotti farmaceutici e delle norme che regolano la loro commercializzazione e la fissazione dei loro prezzi, al fine di rendere compatibili tra loro l’attrazione di investimenti con la sostenibilità del sistema sanitario nazionale”. Lo ha detto Giancarlo Giorgetti, ministro dello Sviluppo economico, aprendo l’evento ‘InnovaCtion, cosa serve alle idee per diventare salute, impresa, futuro’, promosso da GlaxoSmithKline (Gsk) presso la propria sede di Verona, in occasione dei 90 anni di presenza dell’azienda nel nostro Paese.  

“Il dialogo intrapreso con la vostra società, e con le altre importanti imprese farmaceutiche che operano sul piano globale, è importante per l’innovazione regolamentare che vogliamo perseguire e anche per definire le collaborazioni virtuose e favorire gli investimenti in innovazione nel nostro Paese”, ha sottolineato Giorgetti secondo il quale si deve e si può “cercare una maggiore convergenza dei sistemi di regolazione del mercato farmaceutico all’interno degli Stati membri dell’Unione”. (segue)  

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima