Provenza (M5S), ‘presa in carico pazienti oncologici tema centrale’

19/07/2022

(Adnkronos) – “Sulla base del nuovo Piano oncologico nazionale, ci proponiamo di andare in una direzione molto precisa: la reale presa in carico dei pazienti oncologici, in particolare delle donne con tumore al seno. Attraverso un recupero di appropriatezza e un riequilibrio del rapporto tra ospedale e territorio, si può realmente ragionare in termini di diagnosi precoce e di una gestione multidisciplinare della paziente, tutti aspetti che la missione del Pnrr e Dm 71 pongono in evidenza”. Così all’Adnkronos Salute Nicola Provenza, presidente dell’Intergruppo cronicità della Camera, a margine della presentazione di ‘Onconnext – Tumore al seno e oncologia territoriale, un binomio necessario’, documento stilato dalle principali associazioni di pazienti con tumore al seno (Andos onlus, Europa Donna Italia, Favo Donna, IncontraDonna onlus e Salute Donna onlus) e illustrato questa mattina nella sala stampa della Camera.  

“Se gli obiettivi del Pnrr mettono al centro una rete territoriale potenziata, soprattutto pubblica – evidenzia l’esponente di M5S – dobbiamo quindi cercare di andare verso un recupero dell’appropriatezza anche degli ambiti di cura”.  

E sul tema dell’equità delle cure che non risparmia le pazienti con tumore alla mammella, Provenza non ha dubbi: “Per rendere equo l’accesso alle cure è molto importante avere una omogeneità dal punto di vista regionale. In Italia abbiamo 21 sistemi sanitari regionali differenti, e lo abbiamo visto con la pandemia”. Quindi “compito della politica per annullare le diseguaglianze è fare in modo di rendere più omogeneo possibile l’accesso alle cure e alla reale presa in carico attraverso dei nuovi modelli organizzativi”, conclude.  

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima