Revolut: 63% genitori ha c/c separato per figli, 60% non ha ridotto paghetta in pandemia

24/01/2022

(Adnkronos) – I dati di un sondaggio condotto da Revolut Junior, l’account per bambini e ragazzi con 1 milione di utenti in tutto il mondo, rivelano le abitudini e le preferenze dei genitori europei su figli e gestione del denaro. I dati provengono da un’indagine condotta da Revolut Junior su circa 5.000 genitori europei. I dati mostrano, tra le altre cose, quali abilità i genitori ritengono siano le più importanti da apprendere per i propri figli e a quale età pensano che un bambino dovrebbe avere la propria carta di pagamento. Emerge inoltre che il 63% dei genitori italiani ha un conto di risparmio separato per i propri figli e che il 60% non ha ridotto la paghetta durante la pandemia. 

I dati di Revolut Junior mostrano che i bambini europei utilizzano i contanti nella maggior parte dei paesi. I bambini che vivono in Spagna e Germania utilizzano il contante persino in misura maggiore rispetto ai bambini di altri paesi europei. Secondo Tara Massoudi, head of product di Revolut Junior “è un po’ preoccupante che i genitori stiano ancora pensando di dare denaro contante ai propri figli, il che non offre alcun controllo su dove i figli siano spendendo i loro soldi. Il mondo si sta muovendo verso una società senza contanti e la pandemia ha accelerato ancora di più il trend dei pagamenti digitali. Revolut Junior e altri strumenti digitali aiutano i bambini a evolversi in parallelo a questo cambiamento”. Tuttavia, l’utilizzo del contante è ancora significativo in tutta Europa. Il 62% dei bambini in Spagna e il 61% dei bambini in Germania portano con sé e usano i contanti, mentre la percentuale scende al 54% per i bambini irlandesi, al 51% per gli italiani, al 54% in Romania e al 47% in Francia. 

La regione che si distingue come la meno ‘cash-friendly’ per i bambini è quella dei paesi nordici, dove il 64% usa una carta di debito e solo il 42% porta contanti con sé. I genitori nella maggior parte dei paesi europei credono che i loro figli debbano ricevere la prima carta di pagamento quando sono ‘tweenies’, a 11-14 anni. Il 48% (media europea) ritiene che questa età sia quella in cui i bambini sono pronti per iniziare a pagare con la carta e questa percentuale sale al 53% in Italia. Non troppo sorprendentemente, considerando l’elevato utilizzo delle carte di debito tra i bambini dei paesi nordici, la prima carta di pagamento in questa regione arriva in anticipo: il 45% dei genitori pensa infatti che i propri figli debbano avere la propria carta di pagamento quando hanno 7-10 anni. I genitori dei bambini polacchi seguono l’esempio nordico, con il 31% che crede che i propri figli debba ricevere la propria carta di pagamento all’età di 7-10 anni. In Italia invece solo il 16% dei genitori pensa lo stesso.  

Tuttavia, i genitori in alcuni paesi ritengono che i loro figli non debbano avere la propria carta di pagamento fino a quando non raggiungono l’età di 15-17 anni. Il 34% dei genitori francesi e il 36% dei genitori spagnoli pensa che i propri figli dovrebbero avere più di quindici anni prima di pagare con carta. Il 49% dei genitori europei ritiene che i propri figli debbano iniziare abbastanza presto a comprendere le dinamiche finanziarie, già dall’età di 6-10 anni. L’opinione dei genitori italiani è in linea con la media europea: il 46% la pensa allo stesso modo, mentre il 40% pensa che i bambini dovrebbero iniziare a 11-15 anni. Tuttavia, il 51% dei genitori francesi crede che i propri figli possano aspettare fino all’età di 11-15 anni per iniziare a imparare a gestire il denaro e il 10% pensa addirittura che i bambini dovrebbero avere 16-18 anni. In tutta Europa, solo il 4% dei genitori ritiene che i propri figli dovrebbero iniziare a comprendere meglio il denaro a quell’età.  

I genitori in Europa concordano sul fatto che il risparmio, seguito dalla pianificazione delle spese e, in terzo luogo, dagli acquisti online in sicurezza siano le abilità finanziarie più importanti che i loro figli debbano imparare. I genitori spagnoli sono fermamente d’accordo sul fatto che i bambini debbano imparare a risparmiare denaro e infatti l’83% ritiene che il risparmio sia l’abilità finanziaria più importante da imparare per i propri figli. L’80% dei genitori polacchi, invece, crede che la pianificazione delle spese sia più importante. Le abilità finanziarie più importanti per i bambini, secondo i genitori italiani sono risparmio, 75%; pianificazione delle spese, 73%; acquisti online sicuri, 35%; investimenti, 27%; gestione del debito, 17%. I genitori britannici e polacchi si differenziano dagli altri per quanto riguarda il fare acquisti online in sicurezza, che il 51% dei britannici e il 57% dei polacchi ritengono essere l’abilità più rilevante. Un’altra distinzione interessante è che il 27% dei genitori rumeni e il 26% dei genitori britannici pensano che la gestione del debito sia l’abilità più importante da apprendere per i propri figli. 

Revolut Junior è progettato per bambini e ragazzi di età compresa tra 6 e 17 anni con l’obiettivo di insegnare loro delle abilità finanziarie utili per tutta la vita. Junior è stato creato specificamente da Revolut per consentire ai bambini di apprendere le abilità di gestione del denaro attraverso strumenti su misura, un conto personale e una carta. Dà ai bambini la libertà di guadagnare, gestire e spendere in un ambiente completamente controllato dal genitore. Revolut Junior ha inoltre recentemente annunciato l’introduzione di Apple Pay e Google Pay per i suoi utenti in Italia. Oltre a creare un account, ordinare una carta con cui spendere online, nei negozi o prelevare denaro presso gli sportelli, Revolut Junior offre alcune funzionalità chiave per aiutare i bambini a guadagnare, gestire e spendere i propri soldi. Il conto Junior è un’estensione del conto Revolut del genitore. Revolut Junior è disponibile per bambini e adolescenti in Regno Unito, nel See, negli Stati Uniti, a Singapore e in Australia. 

Condividi
News recenti

Chiesta audizione in Commissione Bilancio

“la distribuzione dei conti e di chi paga in manovra non torna” Roma, 2 novembre 2023 – “Innestare e sovrapporre altre norme e percorsi restrittivi

Codirp sottoscrive in Aran preintesa CCNL Sanità

Nasce il primo contratto post pandemico, con qualche miglioramento sulle condizioni di lavoro Il Segretario Generale Tiziana Cignarelli, ha commentato nel momento finale dell’accordo:  “Abbiamo apprezzato