Scuole chiuse o aperte? Cosa dicono gli esperti nel giorno del rientro

10/01/2022

Nel giorno del rientro in classe, esperti divisi su riapertura o scuole chiuse in Italia in tempo di emergenza variante Omicron. Con l’impennata dei contagi nel Paese, c’è chi lancia l’allarme e chi, invece parla di ‘scelta obbligata’. Cosa dicono Matteo Bassetti, Massimo Galli, Walter Ricciardi e i sottosegretari alla Salute Sileri e Costa. 

BASSETTI – “L’apertura delle scuole è una scelta obbligata e non coraggiosa. Non si poteva non aprirle evidentemente. Ci potrà essere un aumento dei casi ma non credo di più di quello visto con gli istituti chiusi a Natale. Questo è un virus che galoppa a prescindere dalla chiusura di stadi e scuole. Arriveremo presto a oltre 300mila contagi come già avvenuto in altri Stati senza che si ponessero il dubbio sulle aperture, le scuole vanno aperte cercando di renderle sicure aumentando le vaccinazioni”, così all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore Clinica di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova.
 

GALLI- Ma per Massimo Galli, già direttore di Malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano, “il rientro a scuola in presenza è imprudente e ingiustificato, in una situazione in cui non ce lo possiamo permettere”, ha ribadito oggi, ospite ad ‘Agorà’ su Rai Tre. “La scuola in presenza – ha precisato – è un bene irrinunciabile. Cancellarla è impensabile, rinviarla di poco non sarebbe stato, però, nulla di trascendentale a fronte di rischi rappresentati dal fatto che le scuole poi dovranno chiudere ugualmente per l’elevato numero di infezioni”.  

La scelta della presenza, in questi termini, “è ideologica e non rispetta la realtà dei fatti” ha detto Galli secondo il quale “15 giorni di recupero alla fine del calendario scolastico previsto avrebbero comunque rimesso in piedi le cose piuttosto che rischiare di peggio ora”. 

RICCIARDI – Per garantire una scuola in sicurezza, sulla vaccinazione dei bambini bisognerebbe raggiungere “la percentuale maggiore possibile, di fatto quello che dice il virus è che quando non raggiungiamo percentuali alte i bambini si infettano. Teoricamente il 90-95%, mi rendo conto che è una percentuale che sembra altissima, ma non lo è se consideriamo la contagiosità di questo virus. Il livello di sicurezza cresce al crescere della percentuale, già al 60-70% la circolazione del virus è ridotta. Una situazione ottimale sarebbe quella del 90-95%”, ha detto Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute e presidente della Federazione mondiale di Sanità Pubblica, ospite di ‘Buongiorno’ su Sky Tg24. “La scuola, nel momento in cui riapre, può ridiventare un detonatore. Questo abbiamo detto al ministro, ma poi naturalmente è competenza del ministro dell’Istruzione”, ha spiegato ancora. 

“Queste vacanze – ha affermato l’esperto – potevano essere utilizzate per recuperare dei punti deboli” ma “sembra che le vacanze, sia estive sia natalizie, non possano essere impegnate per correggere i punti deboli della scuola”.  

Comunque, ha sottolineato Ricciardi, “abbiamo rappresentato al ministro Speranza che le scuole in questo modo possono certamente rappresentare un ambiente in cui si diffonde il virus, con questa variante così contagiosa, la Omicron, che può essere pericolosa. In questo momento – ha spiegato – c’è una combinazione di variante Delta e di variante Omicron: la prima è più severa dal punto di vista clinico e la seconda più diffusibile dal punto di vista della contagiosità”. 

“Non si stanno prendendo decisioni sulla base delle evidenze scientifiche. In questo modo non si fermerà la pandemia. E le scuole chiuderanno de facto, perché con i contagi in classe scatterà la didattica a distanza”, aveva detto in precedenza al Messaggero il professor Ricciardi, che spiega: “Non c’è solo un problema di riapertura delle scuole. Nell’insieme le misure prese non sono basate sull’evidenza scientifica a cui si è voluto derogare. E questo è pericoloso. La situazione è esplosiva. Con la Omicron non possiamo permetterci di far circolare dei falsi negativi. Bisognava applicare l’obbligo del Super green pass, ottenuto solo con il vaccino o con il superamento dell’infezione, a tutte le attività. Tutte. E l’obbligo vaccinale solo per gli over 50 non è sufficiente”. 

SILERI – “È comprensibile la preoccupazione per la riapertura delle scuole, ma ci sono le condizioni per ripartire in sicurezza”. Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, a ’24 Mattino’, su Radio24, difende la decisione del Governo di riaprire regolarmente l’attività scolastica. Sileri ha ammesso che “con oltre un milione e mezzo di italiani in isolamento ed una variante virale estremamente contagiosa ci potranno essere difficoltà e problemi organizzativi, come in tutti i settori economici e sociali, ma la scuola rappresenta da sempre una priorità per questo Governo, che ha ritenuto necessario andare avanti”. Per questo, ha ricordato Sileri, “sono state modificate le regole per la gestione dei casi e delle quarantene, e il commissario per l’emergenza ha confermato la disponibilità di test rapidi gratuiti”. 

COSTA – “La ripresa delle lezioni in classe e in sicurezza è un segnale importante. Gli istituti e le aule sono luoghi sicuri e controllati, grazie anche alle regole del distanziamento, all’aerazione e all’utilizzo delle mascherine. La stragrande maggioranza del personale docente è vaccinato, così come i giovani alunni della fascia 12-19. Sono cresciute anche le vaccinazioni dei più piccoli”, ha dichiarato quindi il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa (Noi con l’Italia), a margine della visita alla scuola secondaria di I grado ‘V. Alfieri’ della Spezia, in occasione della ripresa dell’anno scolastico in presenza dopo le pausa per le festività natalizie.  

“Le nuove regole sulle quarantene e sull’eventuale didattica a distanza, approvate all’unanimità, sono chiare e puntuali”, ha aggiunto Costa.  

“Abbiamo stanziato importanti risorse per potenziare le attività di tracciamento all’interno delle strutture scolastiche. Tutte iniziative che ci permetteranno di gestire al meglio la situazione e di farci trovare pronti. Chi vuole mettere in dad da subito tutti i nostri ragazzi vuole tornare a chiudere il Paese. Questo Governo è di tutt’altra idea. Le nostre scelte vanno tutte nella direzione di tenere aperta l’Italia, anche e soprattutto gli istituti scolastici. Abbiamo scelto di tutelare il più possibile la scuola in presenza, perché luogo di crescita e presidio per la comunità: i nostri alunni hanno già pagato un prezzo troppo alto in questa pandemia”, ha concluso. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima