Tra segreti e fatica, con ‘Oro grigio’ Paolo Agnelli racconta ‘i signori dell’alluminio’

02/12/2021

“Una storia di famiglia che ha fatto la storia dell’alluminio in Italia. Quattro generazioni di industriali. E un segreto. Quindi, quando Solferino, la casa editrice che ha pubblicato il mio libro ‘Oro Grigio. I signori dell’alluminio’, mi ha chiesto di scrivere la storia del nostro gruppo industriale, ho accettato subito. Perché ritengo che certi aneddoti, accadimenti, e ricordi vadano lasciati in eredità ai nostri nipoti. E a coloro che vogliono intraprendere il mestiere più bello del mondo, quello dell’imprenditore”. Così, intervistato da Adnkronos/Labitalia, l’industriale Paolo Agnelli, spiega le motivazioni che lo hanno spinto a scrivere il libro che racconta il ‘viaggio’ della sua famiglia e della sua azienda, attraverso tre secoli di storia d’Italia.
 

Italia, che secondo l’industriale, che presenterà oggi il libro a Roma alle ore 18 presso Palazzo Ferrajoli – Piazza Colonna, dialogando con Paolo Mieli e la senatrice Alessandra Gallone, “avrebbe oggi bisogno delle stesse forti motivazioni che si avevano all’epoca. Purtroppo, non vedo la stessa determinazione e passione per poter crescere. E non vedo la stessa unità di intenti che legava datore di lavoro e collaboratori”. 

Forse, perchè osserva Agnell, “certamente i bisogni del secolo scorso erano necessariamente più motivanti. C’era una vera e propria ‘fame’. Oggi i bisogni vengono considerati un problema di altri, che si deve risolvere tramite il diritto”.  

Ma Agnelli, che è anche presidente di Confimi Industria, un analogia tra L’Italia di oggi e quella del passato la ‘vede’. “Prima -sottolinea- era tutto da inventare. Oggi, al tempo stesso, è tutto da cambiare. L’impegno necessario è simile. E penso alla quarta generazione della mia famiglia e alle sfide che sta e dovrà affrontare. Si tratta di una moderna ‘guerra economica’ fatta di politiche protezionistiche e dazi, economia circolare e transizione ecologica, il risiko delle materie prime e i prezzi delle stesse e quelli dell’energia”.  

E il libro, secondo Agnelli, può essere utile ai giovani di oggi perchè “dà il messaggio che ‘tocca muoversi’. Il libro -spiega- prende vita parlando di un ragazzo, mio nonno, Baldassare Agnelli, che nella Milano del 1894 perde tutto, all’improvviso: i genitori, l’osteria che gestivano a porta Ticinese, la possibilità di mantenere sé stesso e i suoi cari. A soli dodici anni e si adatta a fare i mestieri più disparati. Diplomatosi orafo cesellatore, si rivolge a uno dei più prestigiosi orafi della città che non solo lo prende a bottega ma lo manda in viaggio di lavoro nei Balcani”, ricorda Agnelli.  

E qui arriva, secondo Agnelli, il parallelismo con i ‘Millenials’ di oggi. “Il viaggio che mio nonno ha fatto in Montenegro, ad esempio, altro non è che uno stage internazionale per perfezionarsi. E tornare in Italia con un nuovo metallo e un know how acquisito è di certo un vantaggio”.  

Ma il libro racconta anche i cambiamenti negli anni nel mondo del lavoro e dell’impresa. “Il cambiamento più tangibile -sottolinea Agnelli- rispetto a quando ho iniziato io, 50 anni fa, è il fattore velocità. Di trasmissione, di risposta, di consegna, di servizio. Volendo banalizzare o meglio semplificare prima le aziende lavoravano sul magazzino, oggi si lavora sul “just in time”. Questo ha trasformato il modo di fare impresa e il mondo delle relazioni che vi girano attorno”, spiega ancora.  

E Agnelli ricorda un aneddoto contenuto nel libro. “Mio padre, e si trovano nel libro alcuni estratti, era solito scrivere lettere commerciali ai propri clienti e hanno tutte un tratto iniziale personale e umano. Poi, in seconda battuta, si entrava nel dettaglio degli ordini e delle commesse. Oggi cerchiamo di mantenere questo rapporto ma al posto delle lettere usiamo messaggi da 160 caratteri”, conclude.  

(di Fabio Paluccio) 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima