Bms, in 5 anni -20% gas serra e per 2030-40 nuovi obiettivi green

13/07/2022

(Adnkronos) – In 5 anni, dal 2015 al 2020, il gruppo farmaceutico americano Bristol Myers Squibb (Bms) ha ridotto a livello globale del 20,7% i gas serra prodotti e del 10,8% il consumo di acqua. E per il futuro l’obiettivo della compagnia è centrare nuovi obiettivi ‘green’: utilizzo del 100% di energia rinnovabile ed elettrificazione del 100% delle automobili aziendali entro il 2030, zero rifiuti in discarica e carbon neutrality nelle emissioni entro il 2040. Un impegno che coinvolge anche il nostro Paese dove nel 2021 è nata la ‘Foresta Bms Italia’, con 550 alberi già piantati e altri 500 da piantare ogni anno fino al 2025, per un totale di 2.500 piante; un progetto che interesserà anche altre parti del mondo. Le iniziative sono state illustrate oggi durante una conferenza stampa virtuale.  

“Da azienda biofarmaceutica leader a livello mondiale, siamo consapevoli della responsabilità che abbiamo nel prenderci cura della salute dei pazienti, della comunità e del pianeta – dichiara Emma Charles, General Manager Bms Italia – Assicuriamo alti standard qualitativi per ridurre l’impatto ambientale in ogni ambito in cui operiamo, dalla ricerca alla produzione fino alla distribuzione dei farmaci. La missione, i valori e gli obiettivi dell’azienda sono allineati agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Misuriamo i risultati ottenuti, rinnovando il nostro impegno ogni 5 anni, per raggiungere traguardi sempre più ambiziosi. Ridurre l’impatto ambientale, preoccuparsi delle comunità locali e utilizzare efficacemente le risorse implicano una gestione aziendale etica e corretta”. 

A livello internazionale – dettaglia una nota – l’azienda ha diminuito le emissioni di gas serra con progetti concreti come ad esempio l’installazione di impianti fotovoltaici in 5 siti tra Stati Uniti, Svizzera e Cina, la sostituzione del packaging per alcuni farmaci e utilizzando nuovi container ad alta densità per il trasporto internazionale dei prodotti. Sono stati fatti passi avanti anche nella riduzione del consumo di acqua, implementando nuove pratiche di risparmio idrico grazie a nuovi macchinari e programmi di riciclo dell’acqua. “A livello globale siamo impegnati fin dagli anni ’90 sui temi di sostenibilità – afferma Elinora Pisanti, direttore Human Resources Bms Italia – Bms Italia è certificata Iso 14001 per l’ambiente dal 2013, il che dimostra che operiamo mantenendo standard elevati e una grande attenzione alle performance ambientali. Ogni anno monitoriamo il consumo di energia elettrica, gas metano, acqua e carburante e la quantità di materiale utilizzato in termini di carta, toner e rifiuti. Sono diverse le iniziative concrete che abbiamo già messo in campo”, come appunto “la Foresta Bms Italia in collaborazione con Treedom, con l’obiettivo di compensare parte della CO2 emessa”. 

“Le attività di piantumazione di alberi contribuiscono al raggiungimento di 10 obiettivi di sviluppo sostenibile indetti dalle Nazioni Unite – sottolinea Anna Ciattini, Partner & Head of Corporate Marketing di Treedom – Tutti gli alberi vengono piantati direttamente dalle comunità locali, con oltre 100mila beneficiari che partecipano attivamente ai progetti. La piantumazione di alberi ha un impatto positivo sull’ambiente e sulle persone che abitano quel territorio; contribuisce infatti a produrre benefici ambientali, sociali ed economici come l’assorbimento di CO2, la riforestazione di alcuni territori, il ripristino della biodiversità locale, la sicurezza alimentare e le opportunità di reddito. Operiamo in Paesi in via di sviluppo dove i benefici degli alberi possono davvero fare la differenza. Una volta piantato, ogni albero viene fotografato e geolocalizzato per garantire la trasparenza e la tracciabilità del progetto, e resta di proprietà del contadino che se ne prende cura”. 

Grazie all’accordo con Treedom, Bms pianterà 2.500 alberi non solo in Italia (in Puglia), ma anche in Africa, America Latina e Asia, prosegue la nota, in cui si ricorda che “il contributo degli alberi nella lotta al cambiamento climatico è decisivo: ad esempio, in 10 anni un baobab piantato in Kenya assorbe 3mila chilogrammi di anidride carbonica, pari a quelli prodotti da un volo Roma-Nairobi. Si stima che la Foresta Bms Italia assorbirà quasi 200 tonnellate di CO2”. 

“Rafforzare una cultura aziendale sostenibile e partecipata è anche l’obiettivo del progetto avviato da zeroCO2 e Bms lo scorso aprile in occasione della Giornata mondiale della Terra – evidenzia Andrea Pesce, co-founder e Ceo di zeroCO2 – Un percorso a tappe di progressivo avvicinamento alla natura che ha preso il via con un webinar ‘Sostenibilità ambientale in compresse’, rivolto a tutti i colleghi di Bms, per riflettere sul modo migliore di vivere in armonia con natura, risorse e clima. Il ‘nature game’ organizzato a maggio, in un borgo etrusco a basso impatto ambientale nei pressi di Fiumicino, ha consentito” poi “di approfondire, oltre al tema della biodiversità, anche i criteri di sostenibilità. Il percorso si concluderà a ottobre con l’organizzazione di nuovi eventi a tematica ambientale. Ogni evento ha inoltre contribuito a generare impatto ambientale e sociale positivo: per ogni partecipante, infatti, è stato piantato un albero che viene donato a comunità contadine in Guatemala e a una cooperativa agricola e sociale”. 

“Un altro obiettivo concreto di Bms è la sostituzione delle attuali auto aziendali con il 100% di automobili elettrificate (plug in ed elettriche) entro il 2030 – rimarca Pisanti – Questa scelta rappresenta una svolta culturale per tutti noi. Da diversi anni abbiamo ampliato l’offerta delle auto aziendali, con modelli sempre più green. Inoltre promuoviamo molte iniziative di sensibilizzazione per favorire la scelta di vetture non inquinanti e organizziamo corsi di ‘eco-driving’ per una guida più attenta ai consumi, cercando di contenere le emissioni di CO2”. 

“Siamo orgogliosi dei progetti che abbiamo attivato in ambito di sostenibilità ambientale e sociale – conclude Charles – E’ in programma anche l’iniziativa ‘Plastic free’ per incentivare l’utilizzo dell’acqua corrente filtrata eliminando l’uso dei contenitori in plastica. Gli impegni di Bristol Myers Squibb si trasformano così da sfide ambiziose in traguardi concreti grazie al coinvolgimento di tutti, perché siamo convinti che la responsabilizzazione e i comportamenti che adottiamo ogni giorno possano davvero fare la differenza per la nostra azienda e il pianeta”. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima