Covid e vaccino universale: cosa dicono Gismondo, Pregliasco e Salmaso

14/02/2022

(Adnkronos) – Un vaccino ‘jolly’, che ha come bersaglio la proteina N e punta a proteggere tutte le varianti del covid. Uno studio, appena pubblicato sulla rivista Viruses e condotto dai ricercatori del Centro Nazionale per la Salute Globale dell’Iss, ha dimostrato che questo nuovo approccio innovativo genera una risposta immunitaria efficace e duratura in topi infettati con Sars-CoV-2. Ma cosa ne pensano gli esperti? 

Gismondo
 

“Il vaccino” anti-Covid “che contiene la proteina N” del coronavirus pandemico “certamente sarebbe l’obiettivo auspicabile perché, a prescindere dalle mutazioni della proteina Spike, dovrebbe funzionare” contro tutte le varianti di Sars-CoV-2. Promuove la strategia alla base del candidato vaccino ‘jolly’ sperimentale Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano. Per contrastare il Covid in futuro, “ovviamente se il quadro epidemiologico dovesse mantenersi stabile come pare adesso si stia mantenendo, io credo che l’obiettivo debba essere quello di una vaccinazione magari annuale – spiega l’esperta all’Adnkronos Salute – con un vaccino che ci protegge da tutte le varianti virali. Una vaccinazione consigliata o obbligatoria per i fragili, e disponibile anche per tutto il resto della popolazione, così come avviene oggi per l’influenza”. 

Pregliasco
 

Un vaccino anti-Covid universale che contiene la proteina N “secondo me è interessante come prospettiva perché la ‘N’ è una proteina strutturale nucleo-capside e rimane invariata ad oggi rispetto alle varie mutazioni del virus che ci sono state, ma va capito se ha una capacità di ridurre l’infezione”. Così all’Adnkronos Salute il virologo Fabrizio Pregliasco sull’ipotesi di un vaccino ‘jolly’ contro tutte le varianti di Sars-CoV-2. “E’ la proteina Spike che dà anticorpi neutralizzanti – spiega l’esperto – per cui potrebbe esserci la necessità di una combinazione fra il vaccino ‘S’ e il vaccino ‘N’. C’è da capire – insiste Pregliasco – se questi anticorpi contro la N abbiano questa capacità. Sicuramente hanno la capacità di ridurre le complicanze, le problematiche più pesanti ma c’è da scoprire quest’altra cosa”. 

Salmaso
 

“Sarebbe davvero un’ottima soluzione. La soluzione ideale. Ma al momento stiamo commentando dei risultati di laboratorio sui topi. E’ presto. La speranza ovviamente c’è e quindi speriamo che la ricerca possa darci nuove armi contro Sars-CoV-2 in tempi brevi”. Lo dice all’Adnkronos Salute Stefania Salmaso, dell’Associazione italiana di epidemiologia, commentando i primi risultati del candidato vaccino contro Covid-19 che punta a proteggere contro tutte le mutazioni del virus, comunicati dall’Istituto superiore di sanità. “Si sta cercando di trovare una risposta protettiva nei confronti di parti di virus che non mutano facilmente. E’ una strategia che porterebbe molti vantaggi”, sottolinea. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima