Frangi (Cfi): “Assemblea bilancio chiude triennio importante con collaborazione Mise”

06/07/2022

(Adnkronos) – “Quella di oggi è un’assemblea di bilancio ma è anche un’assemblea che chiude un triennio molto importante per Cfi. Un triennio che si è aperto con l’incorporazione di Soficoop e con il fatto che Cfi è diventata l’unica finanziaria Marcora”. A dirlo Mauro Frangi, presidente del Consiglio di amministrazione di Cfi-Cooperazione finanza impresa, finanziaria partecipata e vigilata dal ministero dello Sviluppo economico con lo scopo di promuovere la nascita e lo sviluppo di imprese cooperative, in occasione dell’assemblea dei soci di oggi. 

“Grazie a questa scelta e alla positiva collaborazione – sottolinea – con il ministero dello Sviluppo economico in questo triennio Cfi ha ampliato ulteriormente il proprio ruolo di sostegno all’occupazione e di patrimonializzazione alla crescita delle imprese cooperative”. 

“Il modello vincente sono le imprese rigenerate dai lavoratori, i cosiddetti workers buyout, imprese cooperative che fanno ripartire e rilanciano aziende in crisi e che Cfi sostiene attraverso l’apporto di capitale di finanza a lungo termine e agevolata. La missione fondamentale di Cfi è principalmente il sostegno ai workers buyout, ma nel tempo questa missione si è allargata a tutta la cooperazione sociale”.  

“Sono – sottolinea – tipologie cooperative che generano tanta buona occupazione e, quindi, con Cfi riusciamo anche a sostenere la produzione di reddito e ricchezza nel Paese”. 

 

 

 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima