Ieraci: “Nuovo vaccino per Herpes Zoster efficace, ma pochi fragili immunizzati”

05/11/2021

La vaccinazione contro l’herpes zoster è entrata a far parte del Piano nazionale di prevenzione vaccinale nel 2017 ma da quest’anno, grazie ad uno straordinario lavoro di ricerca, c’è la disponibilità di un nuovo vaccino che ha registrato risultati importanti in termini di efficacia. E dal 54esimo congresso nazionale della Società italiana di igiene – che si sta svolgendo a Lecce – parte la sfida di renderlo immediatamente disponibile a larga scala in tutte le regioni italiane. “È un vaccino sicuro, efficace e duraturo nel tempo” è il messaggio lanciato da Roberto Ieraci, direttore Uoc Vaccinazioni internazionali Asl Roma 1. Ieraci sottolinea anche l’assoluta compatibilità del vaccino con la strategia di co-somministrazione: “Questo vaccino può essere co-somministrato in tranquillità con tutti i vaccini inattivati, compreso l’antinfluenzale”, spiega l’esperto. 

L’herpes zoster, noto anche come fuoco di Sant’Antonio, ha effetti invalidanti nella vita dei pazienti che ne sono colpiti. Le complicanze sono significative: la nevralgia post erpetica è causa di dolori spesso terribili e non esiste al momento una terapia soddisfacente. Appare evidente che questa patologia può avere conseguenze più gravi nei pazienti fragili, da quelli con patologie coronariche a quelli oncologici. Il nuovo vaccino ha una risposta più che soddisfacente in termini di copertura, che non mostra segnali di diminuzione con il passare del tempo. Meno soddisfacenti sono però i risultati sul fronte della vaccinazione, ad ora lontanissima dall’obiettivo del 50% previsto dal Piano vaccinale. 

“Noi, nella regione Lazio, siamo partiti dal punto di vista della vaccinazione antinfluenzale e – aggiunge Ieraci – stiamo lavorando per far sì che anche questo nuovo vaccino sia disponibile soprattutto per i soggetti immunodepressi e immunosoppressi che ne hanno tanto bisogno. E qui io ci metto la larga messe dei pazienti oncologici e dei pazienti in trattamento con farmaci biologici e immunosoppressori, che sono tantissimi e hanno bisogno di avere una protezione adeguata e specifica nei confronti di una malattia temibile come l’Herpes Zoster”. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima