Psicogeriatri: “Mancano operatori per cure domicilio, rischio spreco fondi Pnrr”

06/07/2022

(Adnkronos) – “Al Governo bisognerebbe chiedere di fare seriamente l’assistenza domiciliare. Al momento però non vedo programmi seri. Ci sono tanti soldi nel Pnrr”, Piano nazionale di ripresa e resilienza, “ma non si sono le buone prassi e soprattutto non ci sono gli operatori. Perché per fare assistenza domiciliare bisogna avere operatori formati. Bisogna avere medici, infermieri, Oss, assistenti sociali, psicologi, tutta la filiera. E non c’è nessuno. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, penso che ci creda davvero” all’obiettivo di raggiungere il 10% di copertura sul fronte dell’assistenza domiciliare per le persone sopra i 65 anni, “ma io no. Ci sono i soldi, ma non le risorse umane e sarà una delle prime volte in cui avremo lo spreco perché non sapremo dove mettere i soldi”. E’ il monito lanciato da Marco Trabucchi, direttore scientifico del Gruppo di ricerca geriatrica di Brescia e presidente dell’Associazione italiana di psicogeriatria.  

L’esperto, intervenuto a un incontro promosso da Careapt, start-up del gruppo Zambon dedicata allo sviluppo di soluzioni di digital health per persone con malattie croniche, riflette sugli scenari che si aprono con il Pnrr per l’assistenza domiciliare, e avverte: “Ci saranno i muri, l’organizzazione e tante belle cose – prospetta all’Adnkronos Salute, a margine dell’evento – ma poi che medici, che infermieri, che operatori ci mettiamo? La tecnologia potrà smorzare un po’ le difficoltà, non c’è dubbio. Ma è ben lungi dal risolvere i problemi. Può essere un aiuto prezioso se il sistema già funziona, ma se il sistema non funziona c’è poco plusvalore”.  

Condividi
News recenti

Save the date!

Giovedì 15 dicembre 2022, dalle ore 14:30 il dibattito “Rigeneriamo la PA – Il PNRR e le sfide Europee: la digitalizzazione, la semplificazione e le

La Manovra Meloni

La bozza presentata in PCM ora la parola al Parlamento. Il testo Manovra bollinato

Generated by Feedzy