Variante Omicron, Ecdc: “Contagi tripli rispetto a picco massimo pandemia”

27/01/2022

(Adnkronos) – “La variante Omicron di Sars-CoV-2 si sta attualmente diffondendo con una velocità e un’intensità senza precedenti in tutta l’Ue/Spazio economico europeo, con tassi di infezione complessivamente segnalati 3 volte superiori al picco più alto registrato finora durante la pandemia” di Covid-19. A segnalarlo è l’Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie), nell’ultimo aggiornamento della sua valutazione rapida del rischio legato alla diffusione e all’impatto di Omicron nell’area. Ancora una volta si ribadisce che la chiave è la vaccinazione, pur non da sola. E gli esperti Ecdc spiegano che, attraverso una maggiore copertura, “la pressione sociale dovuta alla diffusione senza precedenti di Omicron può essere alleviata”. 

Il problema sono appunto i numeri da record, chiarisce l’ente europeo: “Il numero molto elevato di persone infette sta esercitando una pressione significativa in molti Paesi europei a causa di una combinazione di aumento dei ricoveri e carenza di personale per malattia”, scrive l’Ecdc in una nota, invitando a “continuare nello sforzo di aumentare l’adesione al vaccino tra le persone scoperte, e a offrire il richiamo dopo tre mesi a tutti gli adulti idonei”. 

Oltre al continuo rilancio di programmi di vaccinazione, osserva l’Ecdc nel Rapid Risk Assessment pubblicato oggi, il mantenimento delle misure chiave anti-contagio, i cosiddetti interventi non farmacologici, “è fondamentale nell’immediato futuro per garantire che l’intensità della circolazione di Omicron rimanga a livelli gestibili”. 

Queste misure “includono il distanziamento fisico, l’uso corretto della mascherina, evitare assembramenti, lavorare da casa quando possibile, rimanere a casa quando si è malati e mantenere l’igiene delle mani e delle vie respiratorie, insieme a una buona ventilazione degli ambienti interni”, elenca l’ente europeo. 

I modelli previsionali dell’Ecdc stimano che gli attuali livelli di adesione al booster anti-Covid raggiunti a inizio gennaio potrebbero ridurre i futuri ricoveri per Omicron di 500-800mila in tutta l’Ue/Spazio economico europeo, ripristinando una più alta protezione del vaccino. Ed estendere il richiamo a tutti coloro che sono stati vaccinati potrebbe ulteriormente tagliare le ospedalizzazioni attese di altre 300-500mila. Se quindi tutti facessero il booster, alla fine si eviterebbero fino a 1,3 milioni di ricoveri. E’ uno dei dati diffusi oggi in una nota sull’ultimo aggiornamento della valutazione rapida del rischio operata dall’Ecdc, in relazione alla diffusione della variante Omicron di Sars-CoV-2 e al suo impatto. 

Il messaggio è: continuare a vaccinare il più possibile contro Covid. Oggi, spiega l’Ecdc, il livello di copertura con un ciclo vaccinale primario completo sta salendo lentamente nella popolazione Ue/See e ha raggiunto il 70% al 25 gennaio 2022. La dose booster cresce più rapidamente, ma ha raggiunto ancora solo il 50% di copertura della popolazione adulta dell’area. E in ogni caso “i progressi rimangono disuguali tra i Paesi”, puntualizza l’ente europeo. 

Condividi
News recenti

Save the date!

Mercoledì 8 febbraio Tiziana Cignarelli ospite a Piazza Parlamento alle ore 20 su LaC Tv Segui la diretta in streaming

Codirp in audizione su Milleproroghe

Oggi alle 18 Tiziana Cignarelli sarà in audizione in Senato presso le Commissioni riunite 1ª e 5ª (Affari costituzionali e Bilancio) sulla Proposta di Legge

Burocrazia, puntare su competenze e digitale

L’intervento di Tiziana Cignarelli su Il Messaggero Solo indirizzi chiari da parte della politica e la percezione dell’efficacia dei servizi da parte di cittadini e

Generated by Feedzy