Aids, D’Ettorre (Pol. Umberto I): “Per far emergere il sommerso coinvolgere ogni disciplina”

16/12/2021

“Partendo dall’infettivologo, che è uno specialista che ha il compito di curare le infezioni, ma anche di studiarle e di lavorare sulla prevenzione, sulla diagnosi e sul trattamento, possiamo dire che bisogna tirare fuori il ‘sommerso’. Lavorare sulla popolazione giovane, su tutte le discipline, affinché il test Hiv venga effettuato in tutti gli ambiti, e facendosi forza su questi punti riusciremo a colmare quei buchi ancora presenti oggi”. A parlare è Gabriella D’Ettorre, del Dipartimento di sanità pubblica e malattie infettive del Policlinico Umberto I, università Sapienza di Roma, intervenendo a margine del convegno ‘L’Hiv – 40 anni dopo. Rilanciare la lotta alla pandemia dimenticata’.  

“In questi 2 anni di pandemia – ha sottolineato la specialista – il Policlinico Umberto I ha lavorato per cercare di abbreviare le distanze tra il paziente e l’ospedale. Abbiamo attivato la telemedicina, che ha garantito la continuità di cura del paziente. Stiamo tentando di lavorare sul territorio, per coinvolgere i medici di medicina generale, ma stiamo cercando di lavorare anche con tutte le altre discipline”. 

Condividi
News recenti

Codirp in audizione su Milleproroghe

Oggi alle 18 Tiziana Cignarelli sarà in audizione in Senato presso le Commissioni riunite 1ª e 5ª (Affari costituzionali e Bilancio) sulla Proposta di Legge

Burocrazia, puntare su competenze e digitale

L’intervento di Tiziana Cignarelli su Il Messaggero Solo indirizzi chiari da parte della politica e la percezione dell’efficacia dei servizi da parte di cittadini e

Generated by Feedzy