Anief, per Corte Ue illegittima anche normativa precariato insegnanti religione

13/01/2022

Sul precariato scolastico per la Corte di giustizia europea è illegittima anche la normativa italiana per gli insegnanti di religione cattolica. A sottolinearlo è il sindacato Anief secondo cui la sentenza sulla causa 282/19 rimessa dal Tribunale di Napoli è del 13 gennaio 2022 e riconosce la violazione della clausola 5 della direttiva comunitaria 1999/70 che non è giustificata dall’idoneità diocesana rilasciata dall’autorità ecclesiastica.  

Spetta al giudice nazionale se ci sono rimedi cui rinviare come per la stabilizzazione dei lavoratori del settore privato, cui si rivolgeranno i legali di Anief nei prossimi giorni. Sono più di 20 mila i precari insegnanti di religione cattolica che si stima possono aderire al ricorso promosso dal giovane sindacato.  

Per i giudici del Tribunale di Lussemburgo, gli argomenti invocati dallo Stato italiano non giustificano l’abuso dei contratti a termine. L’idoneità diocesana e la conseguente revoca, infatti, attuati nel rispetto del Concordato, non possono costituire una ragione oggettiva visto che si possono applicare anche ai lavoratori a tempo indeterminato (100) né giustificano il ricorso al 30% di supplenti per impartire tale insegnamento in maniera costante. Se per esigenze di flessibilità si può ricorrere a contratti a termine, tuttavia, non “si può invece ammettere che contratti di lavoro a tempo determinato possano essere rinnovati per la realizzazione, in modo permanente e duraturo, di compiti che rientrano nella normale attività del settore dell’insegnamento”.  

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima