Aspi, rettore Federico II: “Modello Academy è direzione giusta”

28/10/2021

“La Smart infrastructures Academy rientra nelle azioni intraprese nel percorso di collaborazione tecnico-scientifica tra Federico II e Aspi”. Lo dichiara il rettore dell’Università degli Studi Federico II di Napoli, Matteo Lorito, in occasione della cerimonia inaugurale dei corsi dell’accademia sulla sicurezza delle infrastrutture nel polo universitario di San Giovanni a Teduccio, zona orientale di Napoli. “Il format adottato – spiega Lorito – è molto flessibile e garantirà sia il lifelong learning delle figure professionali già presenti in azienda sia per la formazione avanzata ed il reclutamento di giovani laureati. L’obiettivo è duplice: consentire di aggiornare e di formare i profili tecnici che potranno garantire ad Aspi di portare avanti un’azione costante per la sicurezza delle infrastrutture è una grande opportunità perché include giovani nostri laureati o laureandi ma anche personale che andrà in azienda si aggiunge a lungo e al lungo elenco di Academy una delle ultime nate”. 

Lorito fa notare che l’Academy “parte in un giorno un po’ particolare, perché è appena stato approvato al Senato il ddl sulle lauree abilitanti. Vuol dire che stiamo andando nella direzione giusta, quella di portare i ragazzi sempre più vicini al mondo del lavoro, in modo che possono trovare lavoro e dare il vero contributo al paese, specialmente alla luce del Pnrr. Il modello delle Academy funziona è una preparazione che non sostituisce ma integra il percorso tradizionale”; conclude il rettore.  

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima