Associazione visuristi: “Almeno 3 anni per processi tecnici applicativi riforma catasto”

30/09/2021

“La riforma del catasto, una volta avviata, avrà tempi per i processi tecnici applicativi di almeno tre anni nei quali evidentemente dovranno esser presi in considerazione aspetti di carattere squisitamente tecnico e conseguentemente di carattere fiscale”. Lo dice all’Adnkronos/Labitalia Mario Bulgheroni, esperto di catasto e presidente Avi, Associazione professionale esperti visuristi italiani. “Il processo di rivalutazione catastale – spiega – unito ad una adeguata visura ipotecaria, farà sicuramente emergere gli immobili non censiti e quindi in ‘esenzione’ fiscale. In questo caso, favorirebbe un gettito fiscale discretamente importante che andrebbe a colmare un’evasione a beneficio di tutti”. 

“La riforma del catasto innanzitutto – sottolinea – non deve influenzare la prima casa, ma comunque, ritengo, debba essere allineata alla valutazione di carattere commerciale, con i dovuti accorgimenti che permettano l’invarianza su coloro che sono ad oggi censiti”.  

“Lo sforzo della riforma del catasto – dice – sarà quello di trovare un algoritmo con gli opportuni fattori che tengano conto delle innumerevoli varianti, per arrivare ad avere una ripartizione equa degli oneri”. 

 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima