Banca Generali, piano: utile ricorrente +10-15% medio nel periodo 2022-2024

14/02/2022

(Adnkronos) – Una raccolta netta cumulata di 18-22 miliardi di euro, una crescita dell’utile ricorrente del 10-15% medio annuo nel 2022-2024 e dividendi cumulati di 7,5-8,5 euro per azione nel periodo 2022-2025. Sono alcuni degli obiettivi del nuovo piano strategico al 2024 di Banca Generali. Il piano è strutturato su tre pilastri strategici. Il primo è l’aumento del target di mercato potenziale, che punta ad avvicinare e accompagnare nuovi segmenti di clientela al mondo della consulenza e alla propria gamma di soluzioni con un’offerta sempre più personalizzata e a modelli di servizio scalabili dai propri consulenti finanziari. 

Il secondo pilastro è la Data Driven Bank: dal modello in ‘Open banking’ si punta ad espandere l’ecosistema di piattaforme e strumenti digitali per creare una rosa di soluzioni ancor più a misura dei bisogni dei consulenti finanziari e dei clienti. La valorizzazione del dato e le sue modalità di elaborazione diventano cruciali per generare nuove opportunità di crescita nel servizio, nella relazione di fiducia, e nello sviluppo territoriale. 

Infine la sostenibilità verso gli stakeholders. Partendo dalla trasparenza, efficienza e qualità del servizio si punta a far crescere l’approccio sostenibile fissando nuovi ambiziosi target, nel rispetto dell’ambiente e delle persone, perseguendo l’obiettivo di creare valore per tutti gli stakeholder.  

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima