Costa Crociere: al via candidature per 120 assunzioni, da animatore a croupier

10/08/2021

Costa Crociere offre 120 nuove opportunità di lavoro a bordo delle proprie navi battenti bandiera italiana. Le selezioni dei candidati avverranno nel corso di due giornate di recruiting day, in programma il 1° e 2 settembre, organizzate dalla compagnia italiana insieme a LavoroTurismo.it, sito di riferimento in Italia nella ricerca e offerta di lavoro nel settore del turismo. Le figure ricercate appartengono all’area ospitalità delle navi: animatore, aiuto cuoco, pasticcere, casaro, receptionist, fotografo, istruttore sportivo, addetto alle escursioni, croupier, babysitter. 

Le persone interessate possono inviare la loro candidatura a LavoroTurismo.it tramite il seguente link http://bit.ly/LT-CostaOnline, dove sono disponibili anche informazioni aggiuntive su ogni profilo. I requisiti richiesti, come esperienza, titoli di studio, competenze, variano a seconda dei profili, ma per tutti è richiesta una buona conoscenza della lingua inglese e precedenti esperienze nel ruolo per il quale ci si candida. 

Le nuove assunzioni che verranno effettuate tramite i recruting day andranno a sostenere il programma di rientro in servizio graduale delle navi della flotta Costa. Per tutta l’estate 2021 la compagnia italiana opererà con quattro navi, di cui due nel Mediterraneo occidentale, Costa Smeralda e Costa Firenze, e due nel Mediterraneo orientale, Costa Luminosa e Costa Deliziosa, tutte con partenze dall’Italia. Da fine settembre in avanti è prevista la ripartenza progressiva di ulteriori navi della flotta. 

 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima