Covid, antivirale Pfizer ai primi segni di malattia: al via test

01/09/2021

Un antivirale a somministrazione orale contro il Covid per adulti sintomatici non ricoverati e che non rischiano una progressione verso forme gravi di malattia. Pfizer annuncia l’avvio di uno studio clinico di fase 2-3 che valuterà la sicurezza e l’efficacia di un farmaco antivirale sperimentale (PF-07321332) progettato per contrastare il virus. Una terapia che potrebbe quindi essere somministrata ai primi segni di infezione. 

Lo studio, randomizzato in doppio cieco – informa il gruppo americano in una nota – arruolerà circa 1.140 partecipanti che riceveranno o PF-07321332 più ritonavir o placebo ogni 12 ore per 5 giorni. Gli inibitori della proteasi come PF-07321332 – ricorda Pfizer – sono disegnati per bloccare l’attività dell’enzima principale di cui il coronavirus necessita per replicarsi. L’idea è che la co-somministrazione con una bassa dose di ritonavir, un altro inibitore della proteasi, contribuisca a rallentare il metabolismo di PF-07321332 permettendogli di restare nell’organismo più a lungo a concentrazioni più elevate, continuando così ad agire per combattere Sars-CoV-2. 

Il primo studio registrativo di fase 2-3 su PF07321332/ritonavir è partito a luglio su adulti sintomatici non ospedalizzati con diagnosi di Covid-19 ad aumentato rischio di progredire verso forme gravi. Il nuovo trial punta invece a testare l’approccio anche in pazienti sintomatici che non corrono questo rischio. In caso di successo del trial, evidenzia Pfizer, PF-07321332/ritonavir potrebbe rispondere a “una significativa esigenza medica non soddisfatta: fornire ai pazienti una nuova terapia orale che potrebbe essere prescritta al primo segno di infezione, senza che si renda necessario il ricovero”. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima