Covid, Burioni: “Non ci libereremo del virus, affrontare nodo isolamenti”

08/07/2022

(Adnkronos) – “Partiamo da un presupposto: di questo virus, a meno di vaccini miracolosi al momento non in vista, non ci libereremo mai”. A metterlo in chiaro è il virologo Roberto Burioni via Twitter. L’esperto, docente dell’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, interviene sul dibattito aperto da una frase di Alberto Zangrillo, prorettore dell’ateneo e direttore del Dipartimento di anestesia e terapia intensiva dell’Irccs ospedale San Raffaele, su “lavativi seriali, positivi al test Covid-19”, che “non lavorano per settimane, sebbene asintomatici”. Così, ha concluso lo specialista via Twitter, “si distrugge il Paese”. 

“C’è molto trambusto” su queste parole, ammette Burioni, che invita a guardare oltre l’usuale “energia dialettica” con cui si esprime Zangrillo e propone una riflessione. “Non voglio neanche sfiorare la polemica sui lavativi che non mi interessa, ma Alberto – fa notare – pone un problema estremamente importante che dovrebbe essere scientificamente all’ordine del giorno e non lo è”. Da qui la premessa: potevamo sperare “nella primavera del 2021, quando non conoscevamo ancora la capacità di questo virus di generare nuove varianti” in una “immunità di gregge che potesse far fare a questo virus la fine del morbillo. Ora sappiamo che non è così: con Covid al 99,9% dovremo convivere per l’eternità, come con l’influenza. Diventa dunque importante chiarire un punto fondamentale: per quanti giorni una persona che si è ammalata deve essere isolata?”, chiede.  

“Ci sono recenti ricerche che approfondiscono questi aspetti, ma è necessario secondo me impegnarsi in maniera molto intensa nel chiarire i dettagli dell’infettività dei positivi perché questi dati sono a questo punto importantissimi”, osserva il virologo. “Ovviamente non possiamo lasciare in circolazione persone contagiose. Allo stesso tempo non possiamo permetterci – come società – di privarci del lavoro di troppe persone per un eccesso di precauzione. Dopo i vaccini e gli antivirali è giunto il momento di capire come unire le esigenze di sicurezza sanitaria con quelle economiche, sociali e culturali del Paese. Come bilanciarle è compito esclusivo della politica: ma i dati sui quali decidere deve fornirli la scienza”. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima