Covid, Colaiacovo (Confindustria Alberghi): “Da Cdm primo passo per ripresa turismo”

03/02/2022

(Adnkronos) –
“Le misure individuate ieri nel corso del Consiglio dei ministri e relative al green pass sono un primo passo avanti che va incontro alle esigenze del nostro settore. Un primo segnale cui, ci auguriamo, faranno seguito altri interventi nella direzione di un allineamento dei sistemi per garantire il ritorno del grande assente in Italia, il turismo internazionale”. Così, con Adnkronos/Labitalia, Maria Carmela Colaiacovo, presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi, commenta la decisione del Cdm di ieri di allentare il green pass per chi proviene dall’estero permettendo l’ingresso in Italia ai turisti stranieri con il riconoscimento dello status vaccinale del paese d’origine integrato da un tampone. 

“Per quanto riguarda le misure di sostegno per i lavoratori, come temevamo il passaggio dalla cassa Covid agli strumenti ordinari è complesso. Per questo, anche su questo fronte, speriamo venga definita velocemente una soluzione che risolva le criticità in atto”, continua Colaiacovo.  

La numero uno di Confindustria Alberghi plaude quindi alla posizione del premier. “Fondamentale quanto dichiarato dal presidente del Consiglio, Mario Draghi che si è impegnato alla rapida definizione di un calendario delle ‘riaperture’. Un segnale importante al turismo in vista di primavera e estate”, rimarca.  

“Ora è importante che le informazioni arrivino rapidamente così da consentire la programmazione delle attività per una ripartenza che ci trovi preparati ad accogliere la clientela straniera”, conclude Colaiacovo. 

 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima