Covid: formazione continua dei lavoratori per la ripartenza

07/12/2021

“La formazione continua dei lavoratori per la ripartenza”, è il titolo del convegno promosso da Gianni Pittella, senatore Pd, in collaborazione con il Fondo interprofessionale per la Formazione continua, che si terrà venerdì 10 dicembre, dalle ore 10 presso la Sala Zuccari del Senato. 

“La pandemia e l’attuazione del Pnrr – spiega Pittella – impongono di prestare maggiore attenzione alla formazione dei lavoratori, da una parte per garantire maggiore sicurezza nei luoghi di lavoro, dall’altra per dotare il Paese delle competenze necessarie all’attuazione delle risorse del Ngeu. Da questo punto di vista, la formazione è la base della ripartenza del Paese”. Parteciperanno all’evento, il sottosegretario al Mitd, Assuntela Messina, il presidente Commissione di controllo Enti gestori, Tommaso Nannicini, l’europarlamentare Luisa Regimenti.  

Interverranno, inoltre: Concetto Parisi, presidente Nazionale Fondo Conoscenza; Fabio Petracci vicepresidente nazionale vicario Ciu; Angelo R. Margiotta, segretario generale Confsal; Marina Calderone, presidente Consiglio nazionale Ordine consulenti del Lavoro; l’onorevole Cesare Damiano, componente Cda Inail; Giuliano Cazzola, giusvalorista; Luigi Ferrara, presidente nazionale Ancors; Carmelo Satta, presidente nazionale Fenapi; Domenico Cosentino, presidente FareEdiPIù; Patrizio Rossi, sovrintendente medico Inail; Alessandro Santi, Professionisti & Consulenti Italia. Il dibattito verrà moderato da Cristina Del Tutto, direttore di Radio Parlamentare. L’evento sarà trasmesso in diretta streaming su webtv.senato.it. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima