Covid oggi Italia, Minelli: “Serviva lockdown per non vaccinati”

30/12/2021

“Il problema è la platea dei non vaccinati che in assoluto costituiscono, al momento, la categoria dei più fragili. È per queste ragioni che non possiamo certo abbandonarci ad un colpo di spugna per quanto, proprio per tutelare queste categorie più a rischio, io avrei previsto, accanto a più ampie concessioni in termini di azzeramento della quarantena per le persone che, vaccinate con tre dosi, siano risultate positive al tampone ma del tutto asintomatiche, misure più stringenti per i non vaccinati o vaccinati parzialmente, introducendo solo per loro un lockdown di tutela”. Così all’Adnkronos Salute l’immunologo Mauro Minelli, responsabile per il Sud-Italia della Fondazione per la medicina personalizzata, torna sulle misure contenuto nell’ultimo decreto anti-Covid.  

“A garanzia della salute loro e dell’intera comunità, e a fronte dei risultati ottenuti in altre nazioni, ai non vaccinati dovrebbe essere consentito solo fare la spesa e recarsi in farmacia, con inibizione temporanea dell’accesso a negozi, ristoranti, teatri e cinema”, suggerisce l’immunologo. 

“Siamo in una fase complessa ma non critica, e certamente imparagonabile a quella di qualche tempo fa – rimarca Minelli – E’ indubbio che la vaccinazione dell’80% della popolazione italiana abbia reso l’epidemia ‘addomesticabile’ e l’aggiunta della terza dose stia mettendo al riparo i vaccinati in maniera ancora più significativa ed evidente”.  

Condividi
News recenti

Codirp in audizione su Milleproroghe

Oggi alle 18 Tiziana Cignarelli sarà in audizione in Senato presso le Commissioni riunite 1ª e 5ª (Affari costituzionali e Bilancio) sulla Proposta di Legge

Burocrazia, puntare su competenze e digitale

L’intervento di Tiziana Cignarelli su Il Messaggero Solo indirizzi chiari da parte della politica e la percezione dell’efficacia dei servizi da parte di cittadini e

Generated by Feedzy