Covid oggi Lazio, 3.475 contagi e 11 morti. A Roma quasi 2mila nuovi casi

24/12/2021

Sono 3.475 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, venerdì 24 dicembre 2021, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri sono morte 11 persone. A Roma ci sono stati quasi 2mila nuovi casi, il numero si attesta a 1.956. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 29.662 tamponi molecolari e 50.209 antigenici con un tasso di positività del 4,3%. I ricoverati sono 921, 4 in più rispetto a ieri, mentre le terapie intensive occupate sono 126, anche in questo caso 4 in più rispetto a ieri. Da ieri sono guarite 1.120 persone.  

Questa la situazione nel dettaglio. Asl Roma 1: sono 909 i nuovi casi e un morto nelle ultime 24 ore. Asl Roma 2: sono 937 i nuovi casi. Asl Roma 3: sono 110 i nuovi casi e 2 i decessi da ieri. Asl Roma 4: sono 210 i nuovi casi e 3 i decessi. Asl Roma 5: sono 240 i nuovi casi e 1 decesso. Asl Roma 6: sono 343 i nuovi casi e un decesso nelle ultime 24 ore. 

Nelle province si registrano 726 nuovi casi, di cui 258 e un morto a Frosinone, 213 nuovi casi e 2 morti a Latina, 102 nuovi casi a Rieti e 153 a Viterbo.  

Le “prenotazioni per il vaccino Covid nella fascia 16-17 anni ed ai fragili 12-15 anni”, annuncia l’assessore regionale alla Sanità D’Amato, “partiranno dalla mezzanotte di lunedì 27 dicembre”. 

“Abbiamo chiesto alla struttura commissariale e al ministero di aumentare le forniture degli anticorpi monoclonali per soddisfare tutte le richieste”. 

 

 

 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima