Covid oggi Lazio, 5.843 contagi e 6 morti: bollettino 30 dicembre

30/12/2021

E’ record di nuovi contagi da coronavirus oggi 30 dicembre nel Lazio: secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19 sono 5.843. Si registrano altri 6 morti. “Oggi nel Lazio su 25.240 tamponi molecolari e 60.273 tamponi antigenici per un totale di 85.513 tamponi, si registrano 5.843 nuovi casi positivi (+595), sono 6 i decessi (-4), 1.127 i ricoverati (+57), 150 le persone nelle terapie intensive (+3) e +1.219 i guariti – comunica, in una nota, l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, dopo la videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e aziende ospedaliere, policlinici universitari e l’ospedale Pediatrico Bambino Gesù – Il rapporto tra positivi e tamponi è al 6,8%. I casi a Roma città sono a quota 2.872. Oggi, inoltre, si registra nuovo record di casi positivi, e su sei decessi cinque hanno riguardato non vaccinati”.  

In particolare nella Asl Roma 1 sono 1.121 i nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore. Nella Asl Roma 2 sono 1.274 i nuovi casi e 3 i decessi. Nella Asl Roma 3 sono 477 i nuovi casi e 1 decesso. Nella Asl Roma 4 sono 387 i nuovi casi e nessun decesso. Nella Asl Roma 5 sono 279 i nuovi casi e nessun decesso. Nella Asl Roma 6 sono 296 i nuovi casi e nessun decesso. 

Nelle province si registrano 2.009 nuovi casi: in particolare nella Asl di Frosinone sono 710 i nuovi casi e 1 decesso. Nella Asl di Latina sono 734 i nuovi casi e nessun decesso. Nella Asl di Rieti sono 346 i nuovi casi e 1 decesso. Nella Asl di Viterbo sono 219 i nuovi casi e nessun decesso. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima