Covid, Stoppani (Fipe): “Per pubblici esercizi a dicembre -19,4% fatturato su 2019, ordinanza Speranza dannosa”

15/12/2021

“A dicembre del 2021 i pubblici esercizi registrano un calo del fatturato del 19,4% rispetto allo stesso periodo del 2019. Un totale di 1,7 miliardi di euro in meno di cui 1,2 legati alle conseguenze della situazione sanitaria che stiamo vivendo, e 500 milioni invece come effetto delle misure restrittive prese dal governo”. Così, con Adnkronos/Labitalia, il presidente di Fipe Confcommercio, Lino Enrico Stoppani.
 

E, secondo Stoppani, per i pubblici esercizi piove sul bagnato. “L’ordinanza di Speranza -spiega- certamente danneggia il turismo e i pubblici esercizi”.
 

“Turismo e pubblici esercizi -sottolinea Stoppani- su cui pesano già le cancellazioni di eventi aziendali e di catering nel solo mese di dicembre per 300 milioni di euro, e il calo potenziale di circa 350 mila clienti non vaccinati, per un importo intorno ai 120-150 milioni di euro”. 

Certamente, aggiunge Stoppani, l’ordinanza di Speranza “colpisce di più gli alberghi mentre invece i pubblici esercizi reggono grazie al mercato interno”. 

Nonostante ciò secondo Stoppani “la proroga dello stato di emergenza era prevedibile e la riteniamo giusta perché la situazione è ancora critica e quindi è necessario poter semplificare eventuali provvedimenti emergenziali da prendere. L’augurio che ci facciamo, che credo fanno tutti gli italiani, è che nei prossimi mesi sia una precauzione superiore al bisogno”, conclude.  

Condividi
News recenti

Codirp in audizione su Milleproroghe

Oggi alle 18 Tiziana Cignarelli sarà in audizione in Senato presso le Commissioni riunite 1ª e 5ª (Affari costituzionali e Bilancio) sulla Proposta di Legge

Burocrazia, puntare su competenze e digitale

L’intervento di Tiziana Cignarelli su Il Messaggero Solo indirizzi chiari da parte della politica e la percezione dell’efficacia dei servizi da parte di cittadini e

Generated by Feedzy