Covid, Zangrillo posta foto paziente non vaccinata: “Curare tutti”

25/08/2021

“Esempio di ritorno alla normalità in terapia intensiva cardiochirurgica: circolazione extracorporea e supporto meccanico in miocardite fulminante in giovane paziente Sars-CoV-2 positiva, non vaccinata. #CurareTutti senza dare i numeri”. Sono le parole di Alberto Zangrillo, prorettore dell’università Vita-Salute San Raffaele di Milano e direttore del Dipartimento di anestesia e terapia intensiva dell’Irccs ospedale San Raffaele. L’esperto le posta su Twitter accompagnandole a una foto in cui si intravede il letto della paziente dietro ai macchinari. E i social si scatenano.  

Immediata la pioggia di commenti, di chi sostiene la battaglia dello specialista – contrario alla monopolizzazione degli spazi dei media con bollettini Covid e dibattiti esclusivamente incentrati su questioni legate al virus – e chi invece lo critica, anche in chiave no-vax. Si va da utenti che invitano Zangrillo a non mollare a chi invece chiama in causa le miocarditi segnalate dopo la vaccinazione Covid (con vaccini a mRna), azzardando parallelismi impossibili: “Quindi il vaccino provoca le stesse complicanze del virus. Perfetto”, si legge nel commento.  

Il risultato è che in serata Zangrillo finisce anche fra gli argomenti di tendenza su Twitter. Altre polemiche vengono sollevate riguardo all’utilizzo della parola normalità, associata a una giovane paziente in circolazione extracorporea. A un certo punto interviene anche il virologo Roberto Burioni, rinforzando il messaggio dello specialista: “La normalità del mio amico Zangrillo – commenta – è difendere con le unghie e con i denti la vita delle persone in grave pericolo. Mentre lui lotta, voi vaccinatevi”, chiosa Burioni. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima