Da Usa a Italia per laurea in Medicina che aiuterà trapianti tumori sangue

28/10/2021

Da Los Angeles in Italia per laurearsi in Medicina all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, nel corso in inglese, con una tesi che aiuterà a selezionare meglio i donatori ‘migliori’ per un trapianto di cellule staminali ematopoietiche. J
ohn Marra, 31 anni, si è laureato con 110 e lode, il suo relatore è stato Andrea Bacigalupo, docente di Ematologia alla Facoltà di Medicina e Chirurgia della Cattolica. “Sono davvero felice e spero di rimanere in Italia per la specializzazione”, ha affermato Marra che probabilmente diventerà un ematologo dopo la specializzazione.  

“La tesi ha confrontato due tipologie diverse di donatori – spiega Bacigalupo all’Adnkronos Salute – L’obiettivo del lavoro di John è stato quello di analizzare i donatori familiari aploidentici (che condividono un solo aplotipo, quindi sono parzialmente compatibili ) e confrontarli con donatori completamente compatibili per il sistema Hla”, il sistema degli antigeni leucocitari umani. “Possiamo dire che l’analisi dei dati evidenzia una riduzione delle complicazione immunologiche nei pazienti con Hl identici”, prosegue Bacigalupo. La tesi di Marra “ha una rilevanza clinica perché ci permetterà di selezionare meglio i donatori ottimali per chi, colpito da leucemia, necessita di un trapianto. Anzi, già stiamo seguendo le indicazioni della tesi, infatti al Gemelli scegliamo con più frequenza donatori Hla identici”.  

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima