Gli effetti del lockdown per Covid sulla sessualità e sulla fertilità

14/12/2022

(Adnkronos) –
Quali effetti ha avuto la pandemia Covid, e il lockdown in particolare, sulla sessualità e sulla fertilità? Un recente studio ha analizzato il tasso di nascite dal gennaio 2018 alla prima metà del 2021 in 24 paesi europei con lo specifico obbiettivo di verificare se, come nelle precedenti pandemie del 20° e 21° secolo, si sia registrato un decremento delle nascite circa 9-10 mesi dopo il picco di contagi. 

 

I risultati indicano che, al netto della stagionalità delle nascite, il mese di gennaio 2021 è stato l’unico mese con una differenza significativa nei nati vivi. È stato osservato un calo del -14,1% rispetto al numero medio di nati vivi a gennaio 2018 e 2019. A livello nazionale, questo calo è stato osservato 9-10 mesi dopo i picchi epidemici in 13 paesi. La durata dei vari lockdown è stata la variabile che ha avuto l’associazione più forte con questo calo, mentre l’avere un reddito pro capite più elevato potrebbero essere un fattore che limita questo calo. Al tempo stesso e similmente alle altre ondate pandemiche, un rimbalzo delle nascite rispetto agli anni precedenti si è verificato a marzo 2021 in 13 Paesi. 

 

La domanda da porci è la seguente: perché, a dispetto di un maggiore tempo a disposizione, conseguente alle misure di confinamento sociale, si è incorsi in un numero significativamente minore di concepimenti? 

 

La prima risposta è che probabilmente le persone hanno avuto una frequenza sessuale decisamente minore rispetto alla norma. Questo studio sulla popolazione italiana ha dimostrato sia che la vulnerabilità agli stressful life events (sintomi di stress, ansia, depressione e conflitti relazionali) ha avuto un forte impatto sulla frequenza e la funzionalità sessuale. A farne le spese, a quanto pare, sono risultate più le donne, chi ha temporaneamente o definitivamente perso il lavoro e chi ha vissuto il lockdown lontano dal o dalla partner. Allo stesso tempo, è emerso che avere un’adeguata frequenza sessuale aiuta a migliorare gli indicatori psicologici e relazionali. 

 

Se questo è valido per la componente ricreativa della sessualità, possiamo ipotizzare che l’evento post-traumatico alla quale tutti siamo stati sottoposti abbia avuto un riverbero anche sulla fertilità: è noto infatti quanto la componente psicologia sia certamente connessa alla capacità riproduttiva sia degli uomini. 

Condividi
News recenti

Codirp in audizione su Milleproroghe

Oggi alle 18 Tiziana Cignarelli sarà in audizione in Senato presso le Commissioni riunite 1ª e 5ª (Affari costituzionali e Bilancio) sulla Proposta di Legge

Burocrazia, puntare su competenze e digitale

L’intervento di Tiziana Cignarelli su Il Messaggero Solo indirizzi chiari da parte della politica e la percezione dell’efficacia dei servizi da parte di cittadini e

Generated by Feedzy