Hannappel (Pmi): “Salary gap vanno chiusi, fondamentale integrare welfare”

25/08/2021

“Se c’è un salary gap deve essere gestito. Va analizzato il gap, chiuso e soprattutto integrare questo con le politiche sia statali che aziendali di welfare, che sono fondamentali per lo sviluppo della carriera di entrambi i generi e che devono essere sempre gestiti con attenzione”. Lo ha detto, nel corso di un dibattito al Meeting di Rimini, il presidente e amministratore delegato di Philip Morris Italia, Marco Hannappel. 

L’azienda, ha ricordato, ha ottenuto la certificazione di PriceWaterhouseCoopers che “fondamentalmente valuta le personalità in base alla performance, al ruolo che occupano e al loro percorso professionale e poi vede quello che è il salario che percepiscono in azienda. Nel caso in cui ci siano dei gap li segnala. E’ un percorso lungo, è un’analisi che dura un anno, ma che dà senza dubbio le indicazioni più importanti per partire nella gestione del gender gap”, ha spiegato ancora Hannappel.  

“La differenza di genere – ha proseguito – deve essere un elemento come tanti altri che deve dare le stesse opportunità di crescita e di sviluppo alle persone che questa crescita la vogliono e che hanno la possibilità di averne accesso. In più industria 4.0 lo consente alle donne nel nostro caso, oltre un terzo di forza lavoro in fabbrica è femminile, e quindi c’è grande possibilità di crescita in ambiti diversi rispetto al mondo dei servizi e degli uffici, ma anche in produzione”, ha concluso Hannappel. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima