I Baci Perugina compiono 100 anni, una confezione speciale firmata Dolce&Gabbana per festeggiare

20/01/2022

La storia di Baci Perugina inizia nel 1922 a Perugia, grazie allo spirito imprenditoriale di Luisa Spagnoli, una delle più influenti figure italiane dell’inizio del ventesimo secolo. Luisa Spagnoli pensò ad un’idea innovativa per una nuova speciale ricetta di cioccolatini: ideò una combinazione di nocciola tritata, recuperata dagli avanzi, e cioccolato fuso per creare un ripieno cremoso, sormontato da una nocciola intera, perfettamente tostata, il tutto ricoperto con il cioccolato fondente Luisa. Il risultato fu un cioccolatino delizioso che ricordava le nocche di un pugno, da cui il nome originale, ‘cazzotto’.  

Fu Giovanni Buitoni, co-fondatore di Perugina, a pensare di cambiarne il nome. Riteneva infatti che fosse inadatto per la dolce creazione di Luisa: piuttosto che far chiedere un ‘cazzotto’ alla commessa, sarebbe stato più appropriato che ricevesse dei baci. Diversi anni più avanti, l’art director di Perugina, Federico Seneca, ebbe l’idea di avvolgere ogni Bacio in un messaggio d’amore, inserendo frasi romantiche all’interno del leggendario involucro stellato, ispirato dall’amore segreto tra Luisa e Giovanni. Con l’aggiunta degli iconici cartigli, i Baci Perugina smisero di essere semplici cioccolatini per diventare una leggenda senza tempo. Fu sempre Federico Seneca a ideare poi la scatola blu e argento raffigurante la coppia che si bacia sotto una pioggia di stelle, ispirato al quadro ‘Il bacio’ di Hayez. Da allora, ogni dettaglio è diventato iconico. 

Oggi quei cioccolatini compiono 100 anni, continuando ad innovarsi ed essere messaggeri di emozioni. Le stesse che gli stilisti d’alta moda, Dolce&Gabbana, hanno voluto interpretare ed imprimere nella grafica delle confezioni dedicate a questo centenario, celebrando l’italianità, l’amore e la passione che contraddistinguono i Baci Perugina dalla loro nascita. 

In 100 anni Baci si è saputo evolvere mantenendo salda la sua essenza inconfondibile. Il centenario cioccolatino, è stato protagonista di campagne avanguardiste, è stato al fianco di artisti immensi, da Frank Sinatra a Vittorio Gassman, si è evoluto in nuovi gusti, ha vinto guinness mondiali, è stato esportato in altri Paesi, ma non ha mai cessato di essere un messaggero di amore e di affetto e non ha mai smesso di soddisfare il gusto degli appassionati che ancora oggi possono assaporare il classico Bacio realizzato con soli 8 ingredienti come nella sua ricetta originale. 

Una parabola da sempre in ascesa, quella di Baci, che arriva fino ad oggi al fianco di Dolce&Gabbana per celebrare i suoi 100 anni di storia e di emozioni. Il celebre marchio di moda, anch’esso icona d’italianità e d’eccellenza, affianca Baci Perugina nell’anno del suo Centenario. Le collezioni che faranno sognare ed emozionare avranno uno stile che mescola l’essenza di Baci alla creatività inconfondibile di Dolce&Gabbana. La prima è la collezione celebrativa 100 anni, ed è quella che veste Baci classico durante tutto l’anno. La seconda collezione protagonista sarà la limited edition, una ricetta nuova e sorprendente in edizione limitata, svelata per il San Valentino di Baci nell’anno del Centenario. 

Quella dei Baci è una storia imprenditoriale tipica italiana, fatta di amore, passione, impegno, creatività, cultura. Una storia legata alla città della sua origine: Perugia. Da un piccolo laboratorio del cioccolato, i Baci Perugina oggi sono una delle realtà industriali più importanti del Paese e considerati un’eccellenza in tutto il mondo. Come tali sono stati in grado di generare valore e benessere economico per tutto il territorio umbro. La ‘Fabbrica dei Baci’ fa parte della storia stessa della città di Perugia: generazioni di lavoratori si sono tramandati l’esperienza per la realizzazione di un prodotto rimasto inalterato fin dalla sua nascita. Un prodotto che è riuscito continuamente ad innovare, senza mai rinunciare alla ricetta dell’origine e alla magia dei suoi natali. La ‘Fabbrica dei Baci’ è oggi un’eccellenza grazie anche all’esperienza di tutti i lavoratori, impegnati nella produzione di un prodotto unico e speciale. 

Ecco perché l’apertura delle celebrazioni del centenario non può che iniziare da Perugia, mettendo al centro proprio i lavoratori dello stabilimento. Come una vera squadra, hanno indossato la maglia celebrativa dei 100 anni di Baci per essere gli assoluti protagonisti di un grande ringraziamento e augurio d’amore, tramite una fotografia realizzata da un drone. Anche i maestri della scuola del cioccolato di Perugia parteciperanno alle celebrazioni, realizzando una speciale torta celebrativa dei 100 anni di Baci. Un’opera di cioccolateria d’autore di grandi dimensioni, dedicata a tutti i lavoratori che hanno reso i Baci un prodotto dal successo planetario. 

Lo stesso stabilimento si farà portavoce delle celebrazioni, attraverso un’installazione luminosa che avvolgerà la ‘Fabbrica dei baci’ facendo arrivare simbolicamente a tutto il Mondo un messaggio di amore vero, universale. Una luce rivolta al futuro per indicare che la storia di Baci durerà per sempre nel tempo. 

In occasione dei festeggiamenti, anche il Museo del Cioccolato Perugina, rinnovato con particolare attenzione alla storia centenaria Baci, apre le porte al pubblico per far vivere un emozionante viaggio nel tempo alla scoperta di una storia aziendale che merita di essere conosciuta e condivisa. Quella di Baci Perugina è una storia di romanticismo, passione, imprenditorialità ed eccellenza tipicamente italiani e, soprattutto, un’opera d’arte riconosciuta in tutto il mondo come icona e simbolo di amore e affetto. Dall’incarto stellato, ai suoi ingredienti selezionati, agli emozionanti cartigli, i Baci sono un’esperienza indimenticabile dall’irresistibile gusto italiano. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima