Ialf, progetto Ebiten e Regione Puglia per conciliazione lavoro-vita privata

20/01/2022

Il progetto Ialf (In armonia lavoro e famiglia), condiviso da Regione Puglia insieme ad Ebiten, l’Ente bilaterale del terziario istituito dalla confederazione Confsal e dalla confederazione datoriale Sistema Impresa, vuole informare sulle opportunità fornite dal governo regionale e nazionale in merito alle azioni di welfare aziendale con particolare riferimento al lavoro femminile. Il 27 gennaio, presso Asi Bari, il progetto sarà presentato nel dettaglio davanti a cento imprese del territorio. Si tratta in prevalenza di Pmi che sono attive in ogni settore produttivo. Una quota importante delle aziende presenti è guidata da donne imprenditrici. “Prima di tutto – spiega il presidente di Ebiten, Enrico Zucchi – un grazie a Regione Puglia per aver creduto nell’iniziativa e un grazie anche al presidente di Asi Bari per avere ospitato il primo evento di presentazione di Ialf. Il welfare aziendale costituisce lo strumento principale per promuovere nel contesto di un’economia e di un mercato del lavoro fortemente stressati dalle conseguenze negative della pandemia gli obiettivi del benessere dei dipendenti, della meritocrazia e della motivazione nello svolgimento delle mansioni professionali generando così più competitività a vantaggio delle aziende. Inoltre, rappresenta la possibilità per definire un percorso che sappia creare le migliori condizioni perché le donne possano partecipare attivamente e proficuamente al mercato del lavoro”.  

“Riteniamo molto importante – dichiara Paolo Pate, presidente di Asi Bari – proporre alle imprese del territorio le opportunità per rinnovare l’organizzazione interna sulla base di una filosofia family friendly determinando un clima di benessere generale per i dipendenti così da sviluppare valore economico e livelli di produttività”. “Istituire una corretta e armonica conciliazione tra i tempi di vita e di lavoro superando il conflitto tra vita professionale e vita privata – dice Rossella Spada, direttore del fondo interprofessionale Formazienda – si configura come una modalità praticabile ed efficace per valorizzare il capitale umano e concorrere strategicamente al successo delle imprese. Ma serve una formazione specialistica e puntuale”.  

Durante l’incontro pressso Asi Bari, interverranno il delegato regionale della confederazione Sistema Impresa, Luca Marasco, per i saluti istituzionali; Eleonora Di Bari, coordinatrice commissione paritetica bilaterale, affronterà il tema ‘Il perseguimento dei principi orizzontali di sviluppo sostenibile, pari opportunità e non discriminazione tra uomini e donne’; Milena Rizzo, capo dipartimento Sociologia e politiche sociali di Sistema impresa, illustrerà il punto relativo al ‘Secondo welfare: cultura organizzativa e contesto locale’; il deputato e già ministro del Lavoro Cesare Damiano si occuperà di ‘Retribuzioni ed incentivazioni al welfare aziendale’; Paolo Giacometti, general manager di Welfarebit, spiegherà l’utilità della ‘Piattaforma web per il welfare aziendale’; il direttore di Formazienda, Rossella Spada, interverrà sul tema ‘La formazione dei dipendenti per il welfare aziendale’; Roberta Zucchi, past general manager Cat, condividerà le precedenti tappe di un ‘Welfare case history’; Matteo Pariscenti, direttore generale Ebiten, entrerà nel dettaglio argomentando in merito ad ‘Antenna welfare: la rete pugliese degli sportelli informativi work family friendly’; il presidente di Ebiten, Enrico Zucchi, concluderà l’incontro con le riflessioni finali in merito alle prospettive del progetto per le economie locali. Ialf prevede contestualmente l’apertura di sportelli, già operativi, presso i quali le aziende e i dipendenti possono essere informati al meglio in merito ai servizi offerti dalla Regione Puglia in materia di welfare aziendale. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima