Il pediatra: “Non vaccinare i figli li espone alla lotteria dei rischi”

28/10/2021

La fascia d’età 12-19 anni è la meno vaccinata contro Covid in Italia, sia in percentuale che in valore assoluto. Abbiamo circa un 28% di adolescenti non immunizzati e, in base ai dati scientifici sulla prevenzione operata dal vaccino, in questa fascia di età si rischia che in migliaia si ammalino di Covid e che una quota non trascurabile venga ricoverata in ospedale, con il rischio che si verifichi anche qualche decesso. Non vaccinando è come se scrivessimo questa condanna”, esponendo i ragazzi a “una sorta di ‘lotteria’ del rischio”. Lo dice senza mezzi termini il pediatra Italo Farnetani: “Ritengo sia necessario rendere obbligatorie le vaccinazioni” anti-Covid “come le altre previste dalla legge. E propongo che in questa fascia d’età vengano effettuate presso le scuole. Lo stesso si dovrebbe fare quando i vaccini saranno disponibili anche per i più piccoli, per la fascia 5-11 anni”, per la quale è atteso un responso dell’agenzia europea del farmaco Ema in un paio di mesi.  

Per l’esperto, professore ordinario di pediatria della Libera Università Ludes di Malta, è importante portare la vaccinazione nelle scuole per “rendere più facile la somministrazione e sollevare i genitori che desiderano farla fare ai figli dai problemi organizzativi e logistici”, spiega all’Adnkronos Salute. Il docente ribadirà questo messaggio anche oggi in occasione di un convegno sul tema della prevenzione di Covid-19 a Mazara del Vallo, in Sicilia, promosso dal locale Rotary club. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima