Infettivologa Maida: “Per eliminare virus epatite C più assistenza extra ospedali”

07/07/2022

(Adnkronos) – “L’eliminazione dell’epatite C è un tema che interessa tanto, soprattutto perché è un obiettivo proposto dall’Oms per il 2030. Per questo motivo ultimamente si sta cercando di decentralizzare l’assistenza al di fuori degli ospedali. Numerose finora le attività intraprese: dalla presenza di screening rapidi per la determinazione dell’infezione da Hcv alla presa in carico dei pazienti da parte dei medici infettivologi all’interno dei Serd, i servizi per le dipendenze patologiche”. Così Ivana Maida, professore associato di Malattie infettive dell’azienda ospedaliera universitaria di Sassari, all’Adnkronos Salute fa il punto sul’importanza dell’assistenza decentralizzata presso i centri di cura per l’epatite C per i pazienti tossicodipendenti attivi e sulle attività in corso in vista dell’eliminazione dell’Hcv in questa popolazione, come richiesto appunto dall’Organizzazione mondiale della sanità entro il 2030.  

“Sono numerosi i report che provengono dall’ultimo Congresso europeo sulle malattie del fegato (Easl 2022) – sottolinea Maida – che dimostrano quanto sia fondamentale una rapida presa in carico del paziente con epatite C, facilitando le terapie con regimi a 8 settimane che garantiscano, soprattutto al di fuori degli ospedali, una migliore assistenza per coloro che hanno l’infezione e sono anche tossicodipendenti attivi”. E proprio i pazienti tossicodipendenti con cirrosi compensata, “durante la pandemia e a causa dei vari lockdown, hanno interrotto i percorsi di diagnosi e terapia – evidenzia l’infettivologa – Quindi preferiscono regimi di trattamento breve, a 8 settimane, proprio all’interno dei Serd, per poter facilitare la gestione dei pazienti e il follow-up. Tra l’altro con questa terapia c’è anche un minore utilizzo delle risorse nelle strutture ospedaliere o dei centri per le dipendenze, oltre ai costi ridotti per le casse del Servizio sanitario nazionale”. 

In merito ai piani dell’eliminazione dell’Hcv, la situazione a livello nazionale e regionale ha luci e ombre, secondo Maida. “In Italia sappiamo che circa 500mila persone possono essere affette da epatite C – ricorda l’esperta – ma non sono a conoscenza della loro positività. Quindi si arriva tardi alla diagnosi e, di conseguenza, al trattamento. Per questo motivo, nella legge finanziaria è stato proposto a livello nazionale di poter effettuare screening gratuiti ai cittadini nati tra il 1969 e il 1989. Purtroppo la Sardegna, insieme ad altre Regioni, non attinge ai fondi innovativi per cui abbiamo grosse difficoltà. Fortunatamente è stato proposto un emendamento di legge nell’ultima finanziaria regionale che prevedrebbe l’utilizzo di 3 milioni di euro (1 mln per il 2022, 1 mln per il 2023 e 1 mln per il 2024), da destinare ai test di screening della popolazione nella fascia di età compresa tra i 33 e i 53 anni”.  

Nelle attività intraprese dalla Regione Sardegna per facilitare il raggiungimento dell’obiettivo proposto dall’Oms, “grazie a un protocollo di collaborazione tra università degli Studi di Sassari e il territorio è stata proposta la presenza di un medico infettivologo all’interno del Serd. Per cui i nostri medici specializzandi frequentano attivamente queste strutture dove effettuano i test di screening e di reclutamento dei pazienti, per poi procedere con la prescrizione delle terapie antivirali sotto la nostra supervisione”. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima