Inps, Tridico: “Ecco la nuova piattaforma semplificata per la cassa integrazione Covid”

27/10/2021

“Sono veramente contento di arrivare a questa giornata, in cui l’Inps rende pubblico, soprattutto ai suoi intermediari principali sulla cassa integrazione uno strumento, una modalità, una procedura totalmente rinnovata all’insegna della semplificazione e dell’innovazione a gestione della cassa integrazione Covid”. Così il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, ha presentato oggi a Roma a Palazzo Wedekind la nuova piattaforma di gestione degli ammortizzatori sociali.  

“Sapete quanto nei mesi scorsi -ha continuato Tridico- questa cassa integrazione è stata fondamentale per il Paese, e sapete quanto è complessa, come sanno soprattutto consulenti del lavoro e commercialisti che in questo periodo l’hanno trasmessa all’istituto. E sanno quanto è complessa la procedura le aziende. E oggi sono contento che a questo tavolo ci siano tutti gli interlocutori interessati alla gestione della cassa integrazione. E ringrazio tutti coloro che nell’Istituto hanno lavorato a questa procedura”, ha aggiunto.  

Una procedura, ha sottolineato il presidente dell’Inps, “nata completamente nata all’Interno dell’Istituto. Emergeranno chiaramente quali sono le potenziali della procedura stessa, che impattano sulla gestione da parte di commercialisti e consulenti del lavoro. Fino ad oggi infatti abbiamo una procedura complessa, che ha creato difficoltà tecniche, che oggi vogliamo superare definitivamente”, ha concluso Tridico.  

 

 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima