Malattie sangue, borse studio Ail a 2 giovani scienziati

02/11/2021

Due borse di studio finanziate dall’Ail, Associazione italiana contro leucemie, linfomi e mieloma, per sostenere giovani ricercatori impegnati nella lotta contro le malattie del sangue, laureati in Medicina e chirurgia, in Scienze biologiche o in Biotecnologie. Intitolate alla memoria di due big dell’ematologia italiana, Franco Mandelli e Francesco Lo Coco, le borse annuali, del valore di 30mila euro lordi, sono state consegnate al MiCo-Milano Convention Centre in occasione del 48° Congresso Sie (Società italiana di ematologia) e del 16° Congresso Sies (Società italiana di ematologia sperimentale).  

La borsa di studio in memoria di Mandelli è stata vinta da Marco Basset (Pavia) per lo studio su imaging molecolare, risonanza magnetica ed ecocardiografico combinato con biomarcatori di malattie cardiache e clonali per prevedere la sopravvivenza e valutare la risposta alla terapia nell’amiloidosi cardiaca Al, si legge in una nota Ail. La borsa di studio in memoria di Lo Coco è stata vinta da Marcella Sabino (Perugia) per la ricerca sul tema: esplorare l’essenzialità della mutazione DNMT3A nel mantenimento della Lma (leucemia mieloide acuta, ndr) e le sue potenzialità nello sviluppo della Lma umana. 

Sergio Amadori, presidente nazionale Ail, alla presenza di Paolo Corradini, presidente Sie, ha consegnato i riconoscimenti ai vincitori nel corso della cerimonia inaugurale del congresso, lunedì 25 ottobre nella Sala plenaria del MiCo.  

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima