Mandelli (Fofi): ‘Farmacista può ispirare comportamenti ecosostenibili’

15/12/2021

“E’ necessaria una transizione ecologica realizzata nel modo migliore per il rispetto dell’ecosostenibilità ambientale. Il farmacista può fare molto perché è una figura professionale vicina alla gente e perché può cominciare a ispirare comportamenti virtuosi, anche all’interno del mondo della salute. Penso alla transizione ecologica che stiamo facendo per le consegne dei prodotti in farmacia e a tutto il tema del farmaco che viene portato in farmacia per una distruzione sicura. Penso gli aghi alle siringhe. Il tema della sostenibilità si lega fortemente alla nostra operatività di questi anni”. Così Andrea Mandelli, presidente della ofi, in occasione del lancio di #Farmacistagreen, il progetto realizzato in partnership con Boehringer Ingelheim che premia le iniziative di sostenibilità dei farmacisti italiani. 

“Ognuno di noi deve fare uno sforzo perché una delle sfide più importanti, anche alla luce del Pnrr, è quella di dare un futuro migliore ai nostri giovani. Il progetto che lanciamo oggi – ha sottolineato Mandelli – esprime la volontà di vedere quali sono le buone idee su questo tema. Ci sarà inoltre la possibilità di connettere i progetti positivi per far sì che gli esempi ed i comportamenti virtuosi diventino patrimonio comune. Penso alla figura del farmacista come operatore della salute attento al futuro del pianeta. Un farmacista che comincia a ragionare con i cittadini sulla scommessa e la sfida che anche l’Europa ci lancia, finanziando con il Pnrr progetti destinati alla transizione ecologica”, ha concluso. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima