Manovra, Angeletti: “Sciopero criticato? Non è la prima volta ma ragioni sono valide”

16/12/2021

“Critiche allo sciopero di oggi? Non è la prima volta che in occasione di uno sciopero dei sindacati, ci sono coloro che spiegano che non c’è ragione di farlo, che non è il momento giusto e via dicendo. Ma le ragioni ci sono e molto valide”. Lo dice ad Adnkronos/Labitalia Luigi Angeletti, a lungo a capo della Uil. “I sindacati -prosegue Angeletti- fanno degli scioperi per proteggere degli interessi e per tutelare le persone e ci sono però altre persone che hanno altri interessi. E’ normale, quindi, che reagiscano cercando si svalutare ciò che fanno i sindacati”. “Ma il vero obiettivo di uno sciopero , e anche in questo caso è così, è quello di cercare di rappresentare gli interessi di una parte consistente di persone di migliaia di lavoratori che non sono stati sufficientemente tutelati”, aggiunge Angeletti. 

“Il Paese si sta riprendendo dal punto di vista economico e il 2021 è stato sicuramente un anno positivo, ma questa ricchezza in più che il Paese ha creato, non è stata sicuramente redistribuita in maniera equa” osserva Luigi Angeletti illustrando le ragioni dello sciopero. “Non tutti ne hanno beneficiato -prosegue Angeletti-: il 6% del Pil in più significa 100 miliardi di euro, ma credo che sia sotto gli occhi di tutti che solo una minoranza ha visto aumentare il proprio reddito”.  

“Il problema della riforma fiscale è un problema non risolto anche se, certo, ogniqualvolta si fa una riduzione di tasse ai lavoratori dipendenti si va nella direzione giusta, ma quando di parla di denaro la quantità fa la qualità. La strada da percorrere è ancora molto lunga prima di arrivare ad un’equa ripartizione dei benefici”, conclude Angeletti. (di Mariangela Pani) 

 

 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima