“Materiale legno da costruzione più che raddoppiato in 6 mesi”

03/12/2021

“Il caro prezzi ha inciso tantissimo nel nostro settore: il materiale legno da costruzione è più che raddoppiato nell’arco di 6 mesi da febbraio ad agosto adesso sta subendo delle leggere flessioni. Ma dopo 10 anni che aumentava del 5-10% in 6 mesi, più che raddoppiare ha creato tantissimi problemi”. Lo dice ad Adnkronos/Labitalia Angelo Luigi Marchetti, presidente Assolegno, a proposito del rincaro delle materie prime.  

“Abbiamo poi qualche problema con l’ultimo decreto del ministero delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili sul fondo di compensazione per il caro materiali nei bandi pubblici, decreto da cui è stato escluso il legno strutturale, l’elemento principe per l’edilizia sostenibile che assorbe anidride carbonica anziché produrla -dice Marchetti-. Nel decreto si parla di ‘listello di abete’ e non di ‘legname da costruzione’: talvolta basterebbe una piccola correzione e invece la burocrazia è troppo complessa. Quello che chiedono gli imprenditori è semplificazione e tempi veloci”.  

L’esclusione del legname da costruzione dal decreto compensazioni è stato molto criticata nei giorni scorsi con una dura nota da Federlegno che ha detto: “Come già dichiarato in questi giorni non volevamo pensare che il ministero e il Governo che hanno fatto della transizione ecologica la loro bandiera avrebbero escluso dalla lista proprio il materiale sostenibile per eccellenza. Purtroppo, i fatti ci costringono a dire che hanno tirato dritto e si sono dimenticati del loro Dna ammainando la bandiera della sostenibilità”.  

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima