Ricerca: indagate reazioni cervello quando viene ‘incorporato’ braccio virtuale

04/02/2022

(Adnkronos) –
Come reagisce il cervello se l’arto è virtuale? Uno studio dell’Irccs Santa Lucia di Roma registra l’attività cerebrale durante l”embodiment’ di un braccio ‘avatar’. “Uno tra i sintomi più comuni quando si viene colpiti da una patologia del sistema nervoso, come ad esempio l’ictus, è la perdita della capacità di controllare gli arti. Il recupero di questa funzione è quindi uno tra gli obiettivi ricorrenti dei percorsi di neuroriabilitazione, sempre più spesso supportati efficacemente da tecnologie avanzate”, ricorda il Santa Lucia. È il caso della ‘Realtà Virtuale Immersiva’, oggetto dello studio appena pubblicato sulla rivista ‘Journal of Neuroscience’. L’autore Elias Casula, ricercatore del Laboratorio di Neuropsicofisiologia Sperimentale della Fondazione Santa Lucia diretto dal neurologo Giacomo Koch. 

“Insieme ai colleghi del Laboratorio di Neuroscienze Sociali, guidato dal neurologo da Salvatore Maria Aglioti, Casula ha osservato l’attività del cervello in soggetti posti a contatto con un braccio virtuale posizionato in modo realistico al punto da creare il cosiddetto embodiment, ossia l’illusione di possedere e controllare quell’arto – sottolinea il Santa Lucia – Nella sperimentazione, alla creazione di un ambiente di realtà virtuale immersiva è stata affiancato l’impiego della Stimolazione magnetica transcranica (Tms), che consente di stimolare in modo non invasivo specifiche regioni cerebrali, e dell’elettroencefalogramma (EEG) per registrare l’attività fisiologica del cervello. 

Tramite queste due tecniche è stato possibile indagare l’attività della corteccia motoria, situata nel lobo frontale e deputata al movimento del braccio che il soggetto osservava virtualmente. “L’esperimento ha mostrato come pochi secondi prima che il soggetto iniziasse a percepire il braccio virtuale come appartenente al proprio corpo – spiega Casula – l’attività della corteccia motoria diminuiva sensibilmente, come se il corpo stesse ‘abbandonando’ il braccio reale per ‘incorporare’ il braccio virtuale. Nello stesso tempo – prosegue il ricercatore – è stato trovato che le aree posteriori, dette parietali e responsabili della rappresentazione mentale dello schema corporeo, erano maggiormente attive e comunicanti con le aree deputate al movimento”. 

La deduzione finale “è che a seconda di quanto è forte l’illusione di incorporazione del braccio virtuale, il nostro cervello abbandona il nostro braccio reale, con un decremento di attività della corteccia motoria”, evidenzia lo studio. Quali sono le implicazioni scientifiche e assistenziali di questa scoperta? “Questo fenomeno ci consente di capire come reagisce il nostro cervello all’embodiment di un arto esterno e quali caratteristiche quest’ultimo deve avere per essere più facilmente ‘incorporabile’: un’informazione essenziale, ad esempio, nello sviluppo di protesi per arti esterni e nella neuroriabilitazione”, conclude Casula. 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima