Sanremo: 54 maestri pizzaioli per sfornare la pizza vip, ‘Muti’ ‘Ferilli’ ‘Amadeus’ nel menù

31/01/2022

(Adnkronos) – Sarà un team di ben 54 pizzaioli a sfornare oltre 300 pizze al giorno a Casa Sanremo, lo spazio gourmet a servizio di artisti, organizzatori e ospiti del Festival di Sanremo.  

Nel menù le più classiche pizze italiane, ma anche accostamenti gourmet, con i nomi delle pizze dedicati ai protagonisti del festival: i conduttori, gli organizzatori e i luoghi simbolo del festival. Ecco dunque la vera margherita napoletana dedicata a Ornella Muti; la versione gourmet Sabrina Ferilli (con lo zafferano, il pistacchio e la mortadella); la Maya (con pesto di castagne, funghi porcini e pancetta). O ancora, la Russolillo, dedicata al patròn del festival, (accostamento di sapori piccanti che vanno dalle acciughe al gorgonzola, passando per la confettura di peperoncino e il limone) per arrivare, infine alla Amadeus (con crema cacio e pepe e mix di pomodorini gialli e rossi). 

A garantire la strumentazione tecnica necessaria sarà un’azienda di Anagni (Fr), la Alfa Forni, leader nel settore dei forni professionali e domestici, mentre lo staff tecnico è coordinato da Carmelo Pistritto, 31 anni, siciliano di Favara, brand ambassador di Alfa Forni, insieme a Lorenzo Fortuna, calabrese, Enzo Piedimonte, napoletano e Giuseppe Pinto, resident chef di Alfa Forni.
 

“Con la nostra presenza a Sanremo vogliamo lanciare un messaggio positivo e conviviale e soprattutto rappresentare al meglio il made in Italy – spiega ad Adnkronos/Labitalia Sara Lauro, executive committee e partner di Alfa Forni-. Questi due anni di pandemia hanno duramente colpito il mondo dei professionisti, i ristoratori hanno cercato nuove soluzioni per l’asporto e siamo riusciti a intercettare nuove richieste di mercato in virtù delle caratteristiche tecniche dei nostri forni: facilità di installazione, mobilità, spazio ridotto e maneggevolezza. La tecnologia, le materie prime locali e le attività di comunicazione con i grandi nomi della pizza hanno reso possibile aprire nuovi canali commerciali in un periodo estremamente difficile, fino a far entrare i forni domestici Alfa con prestazioni professionali nelle case degli italiani che non hanno mai rinunciato alla pizza di qualità”. 

I menù a base di pizza saranno a disposizione degli artisti, dei giornalisti, degli organizzatori e degli ospiti che che si avvicenderanno al Palafiori di Sanremo. L’azienda ha messo a disposizione tutta la strumentazione tecnica e il know how a supporto dell’arte bianca. In particolare a Casa Sanremo saranno presenti due forni di ultima generazione: Alfa Zeno, ad alimentazione elettrica, che raggiunge le temperature di un vero forno a legna napoletano, per garantire un servizio non stop e i numerosi show cooking in programma. Vero segreto della pizza saranno gli impasti: tutti realizzati per garantire la massima digeribilità, alcuni realizzati con grani antichi, in particolare siciliani. Tra le curiosità, anche, la Pizza al padellino, una focaccia farcita all’esterno e l’accostamento di ingredienti che spazia in tutta la penisola. 

Alfa Forni è un’azienda specializzata nella produzione di forni a legna e gas domestici e professionali, camini e mattoni refrattari. Fondata nel 1977 ad Anagni (RM) dagli imprenditori Rocco Lauro e Marcello Ortuso, due giovani cugini calabresi che decisero di costruire un forno a legna per alimentare le loro feste in giardino, oggi l’azienda occupa circa 70 dipendenti e 200 lavoratori nell’indotto. Con un fatturato di 19,5 milioni di euro nel 2021, in crescita del 95,6% sull’anno precedente, Alfa Forni esporta il 70% della produzione in oltre 60 paesi di destinazione. (di Mariangela Pani) 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima