Toro (Ail): “In Italia ruolo dei 500mila volontari è cruciale”

01/10/2021

“Il ruolo del volontariato sanitario in Italia è in piena espansione e per questo motivo è sempre più cruciale: abbiamo oltre 500mila volontari. Quasi 20mila operano all’interno dell’Associazione italiana contro le leucemie, linfomi e mieloma, la maggior parte dei quali assicura una regolare presenza nei luoghi di cura, oltre a garantire assistenza domiciliare, sostegno psicologico e tutta una serie di servizi, compreso il trasporto dei nostri pazienti dall’ospedale a casa, e viceversa. E trattandosi di pazienti onco-ematologici, Ail da anni con la sua Scuola di formazione sente la necessità di preparare i suoi volontari adeguatamente e con professionalità, per rispondere con responsabilità e al meglio alle loro richieste, sia dal punto di vista psicologico che assistenziale”. Lo ha sottolineato Giuseppe Toro, vicepresidente nazionale Ail e presidente Ail Palermo Trapani, intervenendo al convegno nazionale sul Terzo settore dal titolo ‘Curare è prendersi cura: La missione di Ail per una sanità a misura d’uomo’, in programma a Roma fino al 2 ottobre nel Salone d’Onore del Coni.  

In merito al ruolo del volontariato sanitario all’interno del nuovo Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, Toro non ha dubbi: “Da sempre Ail collabora con le divisioni di Ematologia e di Oncoematologia, portando avanti tutta una serie di servizi vicini alle esigenze del paziente in tutta la fase della malattia, servizi che ci auguriamo il Servizio sanitario nazionale del futuro possa recepire e fare sue. Mettere al centro il malato significa passare dalla semplice assistenza di tipo sanitario a una assistenza di tipo sociale. L’integrazione dei due momenti è fondamentale per poter andare verso un’eguaglianza, perché i malati sono tutti uguali finché ricoverati nei reparti ospedalieri, ma diventano diversi una volta dimessi”.  

La Scuola di formazione Ail, dalla fine del 2019, seleziona nuovi volontari sanitari grazie a un team di esperti costituto, tra gli altri, da circa 30 psicologi in attività nei centri di Ematologia sparsi su tutto il territorio nazionale e da volontari anziani, perché “il volontariato deve saper parlare con i pazienti, con i familiari e aiutarli in tutto il percorso di malattia, in sincronia con gli ematologi”.  

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima