CIGNARELLI (CODIRP) IN AUDIZIONE SU PNRR: “serve raccordo diretto con cabina di regia”

20/07/2021

“Occorre il coraggio di far interagire direttamente con la cabina di regia le componenti vitali della società. Presentata ieri in audizione la proposta CODIRP di un raccordo diretto tra la cabina di regia e l’andamento dei lavori e dei progetti, grazie alle competenze tecniche specialistiche presenti nella PA”.
E’ quanto ha affermato ieri, 17 giugno, Tiziana Cignarelli, Segretario Generale CODIRP, in audizione  presso le Commissioni riunite Affari costituzionali e Ambiente, nell’ambito dell’esame del decreto 77/2021 – Semplificazioni
“Il disegno di legge in esame (cd. Governance e semplificazione), si inserisce in realtà in un quadro di intensa produzione normativa con aree di intervento che si intersecano e che disciplinano ambiti in parte sovrapponibili.
E’ il caso, ad esempio, del decreto legge n. 80 del 9 giugno 2021 “misure urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle pubbliche amministrazioni funzionale all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per l’efficienza della giustizia” la cui legge di conversione è all’esame del Senato in questi giorni che, tra l’altro, disciplina le “misure organizzative a supporto del sistema di coordinamento, gestione, attuazione, monitoraggio e controllo del PNRR”.
Velocità della ripresa e della tempistica delle attività e dei lavori da realizzare, spinta a mettere in campo le azioni facendo leva sulle competenze, punto di raccordo tra pubblico e privato, sono le direttrici di una architettura che il decreto delinea in modo tecnicamente sfaccettato, ma rischiando di lasciare un punto debole scoperto, che riteniamo cruciale: la determinante dei tempi e delle conformità di realizzazione dei progetti.
Così come disegnata, la struttura di raccordi tra cabina di regia, organismi, segreterie, comitati e vertici delle amministrazioni centrali e territoriali coinvolte, appare in contraddizione con l’effettiva ed immediata attuazione, elementi principali da tenere in considerazione per monitorare e corroborare progetti e prodotti previsti dal PNRR.
Va evitata la anche solo parziale replicazione di figure e moduli già adottati in passato, trasformati dal tessuto connettivo burocratico e finiti con esiti purtroppo ben noti a tutti, che oggi ci costringono a questo sforzo riorganizzativo.
La ipotizzata snellezza del potere di intervento suppletivo successivo potrebbe essere neutralizzata dalla lentezza, tardività o farraginosità dell’arrivo delle informazioni sulle situazioni concrete e reali di progetti e lavori.
Da qui la proposta CODIRP di inserire in questa architettura e in questo momento un raccordo diretto tra la cabina di regia e l’andamento dei lavori e dei progetti, i cosiddetti SAL – stato di avanzamento lavori- che il flusso e gli iter amministrativi, a piramide, rischiano di non fare arrivare tempestivamente o conformemente alla realtà.
Occorre il coraggio di far interagire direttamente con la cabina di regia le componenti vitali della società, quali ad esempio le associazioni ambientaliste, le associazioni sindacali anche territoriali, che devono avere un ruolo diretto di collaborazione, informazione con la cabina di regia.
Diventerà altrimenti difficile che dal quadro pure tecnicamente di qualità discenda una concretizzazione altrettanto efficace; il rischio che la macchina si inceppi perché in realtà non sarà possibile conoscere direttamente quanto accade è alto e la carenza di un filo diretto risulta un vulnus in grado di inficiare l’intero sistema”.
Avv. Tiziana Cignarelli
Segretario Generale CODIRP

Scritto da: Loredana Ulivi
Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima