Brunetta ancora contro lo smart working “con il telefonino sulla bottiglia del latte”.

04/02/2022

“Cosa devo fare con la bottiglia?

Lo smart working nella Pubblica amministrazione resta l’incubo di Renato Brunetta. Il ministro lo ha voluto tenere a freno anche quando l’ondata di Omicron galoppava e gli altri Paesi Ue ne facevano un utilizzo quasi totalizzante. Ora è tornato ad attaccarlo, bollando implicitamente come fannulloni tutti i dipendenti pubblici che scelgono il telelavoro e con una descrizione per lo meno bizzarra: “Vaccini e presenza – ha detto giovedì Brunetta ai microfoni di Skytg24 – piuttosto che chiusi a casa, con il telefonino sulla bottiglia del latte a fare finta di fare smart working, perché diciamocelo far finta di lavorare da remoto, a parte le eccezioni che ci sono sempre”. I Sindacati attaccano, i social ridono.

Questa la dichiarazione di Cignarelli: “Il presidente della Repubblica ha indicato per il dopo pandemia la strada di una ‘nuova normalità‘. Per noi la nuova normalità è l’opposto della vecchia normalità. Confidiamo, pertanto, che il ministro Brunetta sappia rivalutare attentamente lo snodo ricostruttivo della PA che passa proprio da Lavoro Agile e digitalizzazione“, afferma la segretaria generale Tiziana Cignarelli. Che poi sottolinea “i tanti monitoraggi, sondaggi, petizioni, con cui i lavoratori pubblici hanno dimostrato l’importanza e l’utilità dello smart working per tutti: cittadini, lavoratori, utenza e servizi pubblici”.

Il Fatto Quotidiano

Scritto da: Loredana Ulivi
Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima