Fabio Pinto eletto Segretario Nazionale SNR

20/09/2021

Roma, 17 settembre 2021 – Si è tenuta oggi presso la Sala del Cardello a Roma, l’elezione per il rinnovo delle cariche della Segreteria Nazionale del Sindacato dei Radiologi SNR. Ringraziato il Segretario uscente dott. Corrado Bibbolino, che si è dichiarato indisponibile al rinnovo,  è stato eletto Segretario Nazionale Fabio Pinto, napoletano, specialista in radiologia diagnostica dal 1994. Il dottor Pinto vanta una lunga esperienza sia nell’area della professione che in campo sindacale. Laureato col massimo dei voti e lode all’università Federico II di Napoli, specializzato presso l’Università di Pisa, è attualmente Direttore della Struttura Complessa di Radiologia dei Presidi Ospedalieri di Marcianise e Maddaloni (ASL Caserta). Vice Segretario Nazionale uscente e Coordinatore Fassid della Regione Campania, già vice Presidente del Gruppo Campano SIRM (Società Italiana di Radiologia Medica ed Interventistica), il dottor Pinto svolge anche docenze presso l’Università di Chieti e di Perugia. “Da napoletano scaramantico ho superato indenne la prova del venerdì 17…Vedo questa nomina come un passaggio di staffetta per la tutela della specificità dell’area radiologica. Conto sull’appoggio di chi mi ha preceduto che ringrazio e di chi con il suo voto mi ha dato oggi fiducia per perseguire un obiettivo comune.”

Presidente SNR è stato confermato Paolo Sartori di Venezia, mentre Vice Segretario sarà Giulio Argalia di Ancona e Segretario Amministrativo Giovanni Mandoliti di Rovigo. Leggi su Quotidiano Sanità

Scritto da: Loredana Ulivi
Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima