L’intervento di Tiziana Cignarelli al Congresso dei radiologi SNR-FASSID di Montecatini

01/10/2021

Appassionato l’intervento di Tiziana Cignarelli nella giornata di apertura del congresso il 30 settembre: “La nostra Confederazione pretende di lavorare tanto e di cambiare qualcosa.  Abbiamo un approccio complessivo e multidisciplinare ai problemi e siamo attivi su tutti i Tavoli, facciamo audizioni, depositiamo memorie, partecipiamo a tutti i digital debate. Affrontiamo la grande sfida di riportare centralità alla sanità nel nostro sistema, sopratutto la centralità del sistema pubblico. Vogliamo ottenere autonomia per tutte le leve professionistiche, abbiamo proposte sul lavoro agile che abbiamo presentato in tutte le sedi istituzionali. Abbiamo più volte espresso la nostra preoccupazione sull’utilizzo delle risorse PNRR, perchè incidere solo sulle strutture rischia di farci fare un buco nell’acqua.  C’è oggi uno scollamento tra rappresentanza sindacale e dinamiche del lavoro. Come ad esempio nel Patto sociale: si parla da un lato con tre soggetti sindacali generalisti, mentra la parte datoriale è più che ben rappresentata. Noi abbiamo un modo diverso di fare sindacato e ci distinguiamo per concretezza. Ma, sopra ogni cosa ricordiamo che tutte le professioni devono avere autonomia professionale, perchè senza autonomia non c’è responsabilità. Il rischio altrimenti di un sistema mandarino che si rigenera è dietro l’angolo e ci può portare all’ultimo gradino della burocrazia”. Leggi su Quotidiano Sanità L’intervento è stato ripreso dai principali media specializzati

Scritto da: Loredana Ulivi
Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima