Smart è chi smart fa

04/02/2022

Save the date!

Si terrà il 15 febbraio il digital talk “Smart è chi smart fa”, organizzato dal Segretario Generale Cignarelli con la partecipazione di personalità, esperti, docenti per riprendere attività e proposte per il rilancio della Pa e operativamente per il Pnrr.

ANSA 13 FEBBRAIO – MostraNascondi

Smart working: l’organizzazione del lavoro agile nella P.a
ZCZC7749/SXA XEF22044015255_SXA_QBXB R ECO S0A QBXB Smart working: l’organizzazione del lavoro agile nella P.a Digital talk di Flepar martedi’ 15 febbraio (ANSA) – ROMA, 13 FEB – Dopo i numeri record del primo lock down nel 2020 in cui il lavoro agile e’ stato in molti casi l’unico mezzo per permettere di far funzionare gli uffici sia nel pubblico sia nel privato la tendenza del 2021 ha portato ad una stabilizzazione della quota di lavoro agile. In base ai dati riportati nella ricerca dell’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano*, nel post pandemia saranno circa 4,4 milioni i lavoratori che utilizzeranno il lavoro agile “… di cui 2,03 milioni nelle grandi imprese, 700mila delle PMI, 970mila nelle microimprese e 680mila nella PA”. Al lavoro agile e all’evoluzione culturale ed organizzativa che questo cambiamento rappresenta e richiede e’ dedicato il Digital Talk “Smart e’ chi smart fa” promosso da FLEPAR, martedi’ 15 febbraio 2022 dalle ore 15 alle ore 17 . All’incontro moderato da Giorgio Zanchini, parteciperanno Giuseppe Conte, Roberto Speranza, Francesco Boccia, Andrea Tardiola Pasquale Tridico Antonio Naddeo Pasquale Aiello Sebastiano Fadda Chiara Bisconti , Tiziana Cignarelli, Tania Scacchetti, Giorgio Cavallero, Aldo Tagliente, Stefano Di Leo, Fulvio Ferrazzano. (ANSA). PAT-COM 13-FEB-22 15:20 NNNN

Scritto da: Loredana Ulivi
Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
News recenti

Tiziana Cignarelli a La verità

“Avevamo espresso dei dubbi sull’impianto del PNRR, che andava molto a gerarchizzare la gestione centrale. L’eccessiva lunghezza della catena di domanda sta provocando della forti

APPROVATO L’EMENDAMENTO SULLE SEDI NEODIMENSIONATE

Dirigenti Scuola: “Una vicenda spinosa che culmina, finalmente, nell’inequivocabile chiarimento da parte del legislatore. Motivo per il quale, già a seguito dell’approvazione dell’emendamento in prima